Manovra, Di Maio: questa Ue è finita. Nessun piano B sul Def

Share

Intervenuto a un incontro elettorale in Basilicata, Di Maio ha difeso l'operato del governo e ha attaccato l'Unione europea e il sistema mediatico: "Il sistema mediatico e il sistema europeo ormai hanno deciso che questo governo deve cadere il prima possibile".

"Ci aspettavamo che questa manovra non piacesse a Bruxelles, adesso inizia una fase di discussione con la Commissione ma deve essere chiaro che indietro non si torna".

Spread oltre 300 punti, Milano affonda con banche
IL COMMENTO/ " Non c'è alcun complotto alle spalle del nostro Paese affinchè lo spread Btp-Bund schizzi alle stelle. Negativi i listini di Francoforte -1,36%, Parigi -1,10% e Londra -1,16%.

"Se allora - ha detto Di Maio - devo decidere tra gente che ha un pregiudizio sull'Italia e cittadini italiani, io scelgo sempre i cittadini italiani". "Tra 6 mesi ci sono le elezioni europee - ha detto - e, come c'è stato un terremoto politico in Italia il 4 marzo, ci sarà un terremoto politico in Europa a maggio"."Significa che molte delle istanze che sono state tradite, molte delle istanze che sono state ignorate arriveranno al Parlamento europeo con il triplo, con il quadruplo della forza che hanno avuto in questi anni - ha proseguito -. Quelli che magari ci credevano" nel cambiamento, "avranno una bella sorpresa dai cittadini delle varie nazioni". Ai burocrati europei, preoccupati per lo sforamento dei vincoli di bilancio, "si spiegano le ragioni di questa manovra". "Abbiamo tante diversità ma stanno riuscendo nel miracolo di farci andare sempre più d'accordo proprio con questi attacchi continui da cui dobbiamo difenderci, reagire e soprattutto difendere l'Italia". Se invece c'è una volontà come hanno dichiarato ieri di voler dialogare con questo governo noi siamo pronti. "Faremo un gioco di squadra per spiegare all'Ue che gli italiani hanno bisogno di queste misure".

"Nessun piano B" sulla manovra da far scattare in caso di un'emergenza spread a 400, e "deve essere chiaro" anche a Bruxelles, perché sulla manovra "il Governo non arretrerà". Così il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, rispondendo alle domande dei cronisti all'ambasciata italiana a Berlino e richiamando le parole del direttore generale dell'European Stability Mechanism (Esm), Klaus Regling.

Share