Fabrizio Corona choc: "Rischio di essere ammazzato"

Share

Nei precedenti focus vi avevamo già anticipato alcune interessanti battute che l'ex re dei paparazzi riserverà all'ex agente dei vip Lele Mora, ma gli argomenti saranno disparati, come spiegato dallo stesso Corona nelle sue Storie sul social fotografico. Ma quello non è un problema.

Gli scatti delle cosiddette "cene galanti" con protagonista l'ex presidente del Consiglio e molti altri politci, potrebbero essere un'assicurazione sulla vita per Fabrizio Corona, ma quando Gomez glielo chiede lui risponde secco: "No. La mia assicurazione sulla vita non c'è perché penso che nessuno me la possa dare, anzi, penso di finire presto ammazzato. Quando poi diventi il numero uno in quel mestiere, ti arriva di tutto".

Il direttore de ilfattoquotidiano.it accoglie nel suo "loft" personaggi discussi del mondo della politica, dello sport, dello spettacolo, del giornalismo, per sottoporli ad interviste schiette, con un occhio rivolto al loro passato e uno sull'attualità.

Fmi taglia stime Pil Italia: rialzo Spread indebolisce, preservare la Fornero
L'Italia "è più a rischio" rispetto a potenziali "shock" ed è importante "che il governo operi nel quadro delle regole europee ". E anche il deficit-Pil è visto scendere dal 2,3% del 2017 all'1,7% nel 2018 e nel 2019, per attestarsi al 2,2% nel 2023.

"Noi la stampa la governavamo... Mora non aveva la capacità intellettuale e imprenditoriale di fare questo".

Poi ancora sui rapporti con il noto agente: "A Lele Mora non piacciono i rapporti omosessuali, anche perché è sposato e con due figli. Questi momenti sono tra i più belli che ho vissuto. Nina è ancora innamorata di me, io.". Non gli piacciono i ragazzi gay. È differente. Gli piacciono i ragazzi eterosessuali. "Quindi che rapporto avevate?", ribadisce il giornalista. E sul loro tipo di rapporto ha smentito di aver mai avuto una relazione di natura sessuale, precisando: "Per lui io sono stato il più grande amore della sua vita, perché sono stato l'unico che non ha mai avuto". "Sul caso Marrazzo, io fui il primo a essere chiamato dai carabinieri... - ha detto Fabrizio - Per vendere il filmato, fui il primo, infatti sono stato a testimoniare".

Share