Toyota, rischio incidenti: richiamate 2,4 milioni di vetture ibride

Share

Dopo aver richiamato un milione di veicoli a rischio incendio, Toyota ha annunciato il richiamo, a scopo precauzionale, di 2,4 milioni di auto ibride a causa di un'anomalia al failsafe - il dispositivo di protezione - che in casi molto rari potrebbe smettere di funzionare. La casa giapponese si è vista costretta ad annunciare il ritiro di ben 2,43 milioni di suoi veicoli in giro per il mondo.

Alcune Toyota Prius e Auris prodotte tra il 2008 e il 2014 potrebbero essere a rischio di stallo quando si entra in modalità di guida sicura (pilota automatico). Il richiamo di Toyota include 1,25 milioni di veicoli in Giappone, 290.000 in Europa, 807 mila negli Stati Uniti.

Gp Giappone, Hamilton domina le libere. Vettel terzo
Un errore pagato caro dalla scuderia Ferrari che manda in pista entrambi i piloti con le gomme da bagnato a pista ancora asciutta.

Quella annunciata da Toyota, come spesso avviene in questi casi, è una misura precauzionale con l'obiettivo di evitare che si verifichino incidenti a causa di questo difetto. La decisione della casa giapponese si aggiunge al richiamo già predisposto lo scorso mese di oltre un milione di auto con la stessa tecnologia, ossia a doppia alimentazione benzina-elettricità. Per quanto concerne l'Italia, il richiamo dovrebbe interessare un numero non particolarmente elevato di autovetture, ossia circa 20.000, per lo più taxi. L'annuncio è stato dato nel rispetto delle rigide norme di sicurezza a livello mondiale.

Le macchine in questione erano state richiamate in passato, senza però che venisse risolto il problema presentatosi adesso, che verrà rimediato tramite l'aggiornamento gratuito del software del veicolo, ha aggiunto Toyota.

Share