Arrivabene sbotta: "Quanto accaduto è inaccettabile, sono arrabbiato. Ci servirebbe un pistaiolo..."

Share

"Non è per questo che abbiamo perso performance".

La Ferrari ha appena vissuta una delle sue qualifiche peggiori dell'anno a Suzuka (report). Vettel e Raikkonen sono andati in Q3 con le intermedie quando c'era ancora la pista asciutta. Stava per piovere, pensavamo piovesse di più poi non ha piovuto. Tutti attendevano un finale di Mondiale di Formula 1 con una lotta epica tra Vettel e Hamilton, ma sarà archiviato con un epilogo decisamente diverso. La fretta ha spinto Kimi e Seb a compiere piccoli errori nel giro veloce, con Iceman che limita lo sbaglio conquistando il 4° posto, mentre il tedesco scivola al nono posto.

Forte terremoto ad Haiti, almeno 11 morti. Crollata una chiesa
Il sisma è stato avvertito, seppur in maniera lieve, anche nella capitale, Port-au-Prince, e nella vicina Repubblica Dominicana. Nelle scorse ore un violento terremoto ha scosso l'isola di Haiti , splendido atollo dei Caraibi.

Una stagione complicata ed a tratti sfortunata per la Ferrari con qualche imprecisione nel bel mezzo del cammino da parte degli stessi protagonisti: "Come ho già spiegato in tempi non sospetti, ci sono gare in cui la nostra macchina è molto forte, altre gare dove te la giochi con Mercedes e su circuiti come questo, che necessitano di un carico molto alto, ci sono dei problemi - ha sottolineato Arrivabene - In quelli dove te la giochi, per mille ragioni non siamo riusciti a portare a casa i punti che volevamo". Ad essere onesti oggi non sarebbe stato semplice fare la pole, detto ciò quello che è successo oggi è inaccettabile. "Sono onorato di questa cosa e so che a giorni verrà presentata la lista all'assemblea degli azionisti coi nomi dei candidati per il CdA, spero di rimanere". "Io ci metto sempre la faccia". "Visto il weekend sarebbe stato comunque difficile fare la pole - ripete Arrivabene -, ma volte bisogna togliere gli occhi dal computer e farsi guidare dal buon senso". È vero che siamo una squadra giovane, e probabilmente ci manca una "vecchia mano", una persona esperta in grado di leggere le situazioni correttamente e rapidamente.

Share