NYT: Trump ha evaso fisco per milioni

Share

Nell'inchiesta del Times si legge che già all'età di 3 anni il futuro presidente guadagnava 200,000 dollari l'anno, e che già a 8 anni poteva essere considerato un miliardario, con delle entrate pari a 1 milione annuali. Durante le presidenziali del 2016 il Tycoon era stato criticato per non aver voluto rendere nota la sua dichiarazione dei redditi. Dall'inchiesta emerge come gran parte del denaro che Trump ricevette dall'azienda del padre fu una sorta di ricompensa per aver aiutato i genitori a eludere le tasse.

Il quotidiano statunitense, dunque, mette in dubbio la versione del tycoon che si è sempre vantato di essersi fatto da solo, di aver guadagnato miliardi grazie unicamente alle sue doti di businessman e di non aver chiesto mai un dollaro a suo padre, Fred C. Trump, imprenditore, arrestato nel 1927 per aver partecipato ai disordini scatenati dal Ku Klux Klan, che costruì la sua fortuna a New York con le speculazioni edilizie. I genitori sono accusati di aver trasferito oltre un miliardo di dollari ai figli sotto forma di "regalo": secondo la tassazione del tempo sull'eredità e sui regali - pari al 55% - tale somma avrebbe dovuto generare 550 milioni di tasse.

Avengers 4, fine delle riprese: Evans dice addio a Cap
Per tutti quelli di fronte alla cinepresa, dietro la cinepresa e per il pubblico, grazie per tutti questi ricordi. Ed ecco la nostra traduzione:"Ufficialmente concluse le riprese di Avengers 4 .

Donald Trump e i fratelli avrebbero invece versato al fisco solo 52,2 milioni di dollari, "con l'aiuto di una varietà di sistemi di elusione". Se quanto scoperto dal Times fosse vero, difficile pensare a un'azione penale, visto che il reato sarebbe ormai caduto in prescrizione. Il quotidiano cita esperti fiscali che sollevano lo spettro delle frode. Trump, scrive il Nyt, ha declinato per varie settimane le ripetute richieste di commentare i fatti oggetto dell'articolo.

L'avvocato di Trump Charles Harder ha definito "100 per cento false" le accuse di evasione, minacciando querela. L'indagine giornalistica è stata comunque definita "del tutto fuorviante" dalla portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckerbee Sanders, la quale ha ancora una volta puntato il dito contro i media "interessati esclusivamente ad attaccare la famiglia Trump, piuttosto che evidenziare i successi della sua amministrazione".

Share