Napoli, notte da incubo per Milik. Rapinato con la pistola alla tempia

Share

Sono state ore concitate per Arek Milik e la sua compagna Jessica, che ieri sera hanno subito una rapina nei pressi di Varcaturo al ritorno dallo stadio San Paolo dopo la vittoria in Champions. I rapinatori - immaginano le persone a lui vicine - aspettavano Milik sapendo che sarebbe tornato a casa a tarda notte e che la zona isolata li avrebbe favoriti. I due, armati di pistola, indossavano dei caschi integrali.

E ora la Boschi fa pure la modella: in copertina su Maxim
Quella politica che li ha visti arrivare in cima al mondo per poi crollare rovinosamente nei consensi, oggi ai minimi storici. Lei probabilmente aspira a non essere considerata solo una donna intelligente, ma anche bella.

Il passeggero di dietro è sceso ed ha puntato una pistola al volto dell'attaccante del Napoli. Così, gli ha intimato di consegnare il Rolex Daytona da 7mila euro. Poi i due si sono allontanati a tutta velocità in direzione di Licola. La brutta vicenda si è verificata nella notte fra mercoledì 3 e giovedì 4 ottobre, in quel di Giugliano, cittadina in provincia del capoluogo campano. A Napoli puoi attraversare ogni quartiere sensibile con jeans e maglietta senza essere toccato, ma è bene sapere che gli orologi sono appetibili. Tuttavia, dopo il big match, è accaduto un episodio spiacevole. Arkadiusz Milik è stato rapinato in una strada di Varcaturo.

Share