Macron, "Sì a dimissioni ministro Collomb"

Share

Quella che si consuma in queste ore in Francia viene descritta come una delle peggiori crisi di governance dall'inizio del mandato di Macron. Il presidente francese Macron ha dovuto affrontare un duro colpo, di una gravità maggiore rispetto a tutti gli altri.

Un nuovo colpo per Macron.

L'immagine, postata su Instagram da uno dei due giovani, non è piaciuta a migliaia di utenti del web che hanno ricordato a Macron che soltanto qualche mese fa si arrabbiò con un adolescente perché ha osato rivolgersi a lui con l'epiteto "Manu".

Al via la terza edizione della "Settimana nazionale della dislessia"
Secondo recenti ricerche, i disturbi dell'apprendimento colpiscono circa il 3-4% degli alunni italiani. Per la Settimana Nazionale della Dislessia , Aid organizza 300 eventi gratuiti in tutta Italia .

Inizialmente Collomb aveva dichiarato che si sarebbe dimesso dopo le elezioni europee nel maggio 2019, ma spinto dalle richieste dell'opposizione, il ministro ha deciso di anticipare le sue dimissioni da responsabile di uno dei portafogli più sensibili in Francia (si pensi solo agli attentanti terroristici di matrice islamista che hanno ucciso centinaia di persone dal 2012). Al suo posto, subentra il capo del governo Philippe, che assicurerà l'interim fino all'arrivo del prossimo inquilino di Place Beauvau (il portavoce del governo, Benjamin Griveaux, ha annunciato che il rimpasto avverrà entro pochi giorni). "Marine Le Pen è l'estrema destra, e l'estrema destra non è il popolo, io sono il Presidente della Repubblica e non lascerò il popolo", ha detto Emmanuel Macron.

Al termine del suo discorso, Collomb ha stretto la mano al personale del ministero venuto a salutarlo, poi si è avviato verso l'auto che l'attendeva in Place Beauvau, pronto a lasciare Parigi per la sua amata Lione. "Quello che mi ha fatto lottare per essere eletto contro Marine Le Pen, e per cui sono qui oggi, è che amo ogni bambino della Repubblica, qualunque sia la sua assurdità, perché non ha scelto il luogo in cui è nato". Collomb, invece, ha dichiarato al quotidiano regionale Le Bien public, di tornare a Lione "con immenso piacere". Non c'è dubbio, quindi, che abbia un grande cuore.

Le dimissioni di Collomb hanno subito acceso una nuova questione, nell'amministrazione della città di Lione.

Share