Ritorna il colera: due immigrati dal Bangladesh ricoverati a Napoli

Share

Migliorano le condizioni del bimbo di due anni, affetto da colera, ricoverato da ieri all'ospedale per le malattie infettive Cotugno di Napoli dell'Azienda dei Colli. La diagnosi è di colera. A distanza di dieci anni dall'ultimo caso, secondo quanto riferito dal quotidiano La Repubblica, il problema torna di attualità con i casi di una mamma e di un figlio di appena due anni, rientrati da un viaggio in Bangladesh.

A renderlo noto Antonio Giordano, commissario straordinario dell'azienda ospedaliera dei Colli, il quale ha sottolineato che "i contatti familiari del caso sono stati già individuati e sono attualmente sotto stretta osservazione sanitaria". Sia la madre che il piccolo sono in condizioni stazionarie dopo l'arrivo al nosocomio partenopeo, specializzato nella cura delle malattie infettive.

Riforma Fornero e quota 100: come sarà
Ad esempio, chi è nato nel 1958 e ha cominciato a lavorare a 20 anni, quindi nel 1978, dovrà aspettare il 2020 per la pensione . Proposta alla quale Di Maio ha risposto con: " Valuteremo " ( qui il video dell'incontro ).

I medici riferiscono inoltre che le condizioni della donna non destano alcuna preoccupazione.

Anche l'Istituto superiore di sanità ha spiegato che si tratta di due casi di importazione e che dunque il rischio di diffusione del colera non c'è. Si scongiura un'epidemia nel nostro Paese dal 1994, a Bari, quando ci furono circa 10 casi. Il colera è una tipica malattia a trasmissione fecale-orale: essa può essere contratta in seguito all'ingestione di acqua o di alimenti contaminati da materiale fecale di individui infetti (malati o portatori sani o convalescenti); i vibrioni sono dotati di notevole resistenza nell'ambiente esterno, soprattutto in ambiente liquido e possono sopravvivere anche in ambiente moderatamente salino come l'acqua di mare. È un'infezione alquanto inusuale in condizioni igienico-sanitarie buone o quantomeno discrete e spesso colpisce le zone asiatiche o africane. L'incubazione della malattia va da 1 a 5 giorni e si manifesta con forte diarrea e vomito che portano ad una rapida disidratazione.

Share