Moscovici ancora contro l'Italia: "con il deficit al 2,4% si rischia"

Share

"Gli italiani hanno fatto la scelta di un governo risolutamente euroscettico e xenofobo che, sulle questioni migratorie e di bilancio, tenta di disfarsi degli obblighi europei", ha detto il commissario europeo agli Affari economici e finanziari, intervenuto a Parigi ad un convegno organizzato dall'Ocse.

A stretto giro di ruota è arrivata la replica di Matteo Salvini: "Moscovici parla a vanvera, in Italia non c'ènessun razzismo o xenofobia, ma finalmente un governo scelto dai cittadini che ha bloccato gli scafisti e chiuso i porti ai clandestini". "In quanto membri di un'istituzione autorevole e importante come il Parlamento italiano riteniamo mortificante dover ascoltare e rispondere a insulti beceri che si commentano da soli". Lo ha detto il commissario europeo Pierre Moscovici che ha precisato anche l'intensità di queste caratteristiche dell'esecutivo italiano: "decisamente euroscettico e xenofobo".

Questa visione "è oggi riciclata quotidianamente dagli euroscettici dell'Europa Centrale, dell'Austria o dell'Italia. E' una retorica viziata, ma straordinariamente efficace: i loro successi elettorali ne sono la prova", ha concluso Moscovici. Ed è con il voto che hanno espresso la loro insoddisfazione: "elezioni dopo elezioni, gli europei hanno preferito dei partiti politici di estrema destra e apertamente ostili all'Ue", ha osservato Moscovici.

Allegri, curioso vedere Juve senza CR7
La Juventus va a caccia della nona vittoria consecutiva contro lo Young Boys nella prima recita interna di Champions League . E' una squadra che vince da non so quante partite e ha un allenatore che ha dato una bella organizzazione difensiva.

E il secondo è che "per il popolo, quello 'vero' come potrebbero dire loro, è giunto il momento di riprendersi il potere dalle mani dei tecnocrati". Moscovici risponde così: "La Commissione europea ha un ruolo istituzionale, iscritto nei trattati, che applica e che fa in modo assolutamente tecnico". Faremo rispettare queste regole - ha avvertito - Con lo spirito del dialogo ma anche nel tentativo di evitare due scogli: il primo è una crisi tra Roma e Bruxelles, che sarebbe assurda, l'Italia è un grande Paese membro della zona euro.

Moscovici rilancia la polemica a distanza con il governo italiano, visto dalle alte cariche dell'Unione come un pericolo per l'Europa. "Non commento altre speculazioni", ha aggiunto. Milioni di italiani -proseguono i parlamentari M5S- meritano rispetto, soprattutto in considerazione dei sacrifici e delle sofferenze causate dalle politiche economiche disastrose imposte dai signori dell'austerità.

Un progetto etico che punta alla rinascita di Catania difendendola dai ladri di bellezza.

Share