Psv: Van Bommel, dobbiamo battere Inter

Share

Ma abbiamo fatto turnover con il Cagliari e abbiamo giocatori che hanno riposato e sono più riposati.

"Se il Psv vuole ottenere qualcosa in questa Champions League, domani deve vincere contro l'Inter".

Domani è la partita chiave per il Psv per fare qualcosa di importante in Champions?

Leggendo le probabili formazioni di Psv Inter e concentrandoci sulla difesa, balza all'occhio il nome di Trent Sainsbury: il ventiseienne australiano è l'ex di questa partita, essendo passato per l'Inter tra il gennaio e il giugno del 2017. Era arrivato in prestito dallo Jiangsu Suning, la società cinese che ha la stessa proprietà dei nerazzurri; dopo quell'esperienza con l'Inter è rientrato, poi è stato ceduto al Grasshoppers ancora in prestito e infine il Psv lo ha riportato in Olanda, dove aveva già giocato con lo Zwolle per due stagioni.

Luciano Spalletti, tecnico dell'Inter, durante la conferenza stampa di vigilia della sfida contro il PSV Eindhoven ha parlato anche di quelle che saranno le sue scelte tattiche per la sfida del Phillips Stadium: "Facciamo miglioramenti rimanendo su un'unica idea e quindi si va avanti con il 4-2-3-1". La squadra di Luciano Spalletti ci arriva in grande forma: la vittoria in rimonta e all'ultimo respiro contro il Tottenham ha davvero cambiato psicologicamente il gruppo, che da allora ha vinto tre partite in campionato e si è rilanciata nelle prime posizioni della classifica, e ora guarda con fiducia a questa partita perchè, calendario alla mano, ci sarebbe la concreta possibilità di staccare di 6 lunghezze il Tottenham prima del doppio impegno contro il Barcellona, avvicinando ancor più gli ottavi di finale.

Lo Young Boys atteso dall'esame Juventus
Vincono da tante partite e hanno un allenatore che li ha dato grande compattezza. Un gol del croato viaggia a 1,70, quota più bassa nelle scommesse sui marcatori.

Ci sono sei partite e dire che non c'è speranza non ha senso.

L'Inter gioca un calcio italiano? Ora la squadra deve tirare fuori tutto, dentro la partita ci vorrà il massimo. Magari tenendo sempre bene in mente le insidie che ci sono per affrontare gli avversari.

Punteggio che ai nerazzurri andrebbe benissimo, anche per interrompere un digiuno di vittorie europee in trasferta che dura da troppo tempo: l'ultima gioia lontano da San Siro risale al lontano 18 settembre 2014, quando una zampata di D'Ambrosio valse il blitz in casa del Dnipro nella prima giornata della fase a gironi di Europa League.

Van Bommel, per lei da ex milanista sarà un derby? In Italia sono i dettagli che cambiano il match e per questo dovremo stare attenti.

A disposizione: 27 Padelli, 2 Vrsaljko, 23 Miranda, 5 Gagliardini, 16 Politano, 10 L. Martinez, 11 Keita B.

Share