Di Maio "Pd e Forza Italia fanno terrorismo mediatico"

Share

Di Maio ricorda i deficit indicati dai governi Pd, contro cui "nessuno ha mai fiatato", cioè 3% nel 2014, 2,6% nel 2015, 2,5% nel 2016, 2,4% nel 2017 e 2% nel 2018. Economisti del calibro di Giovanni Dosi hanno detto che con la Manovra del Popolo e il deficit al 2,4% l'economia reale crescerà. "Io non voglio lo scontro voglio spiegare e vedrete che ce la faremo".Commentando poi l'andamento di borsa e spread di ieri, il Vicepremier ha aggiunto "era normale che ci fosse una reazione dei mercati alla nostra decisione" ma "è vero che lo spread è salito ma alla fine della giornata è sceso" ed "appena il def sarà pubblicato si vedrà un grande piano di investimenti".Per Di Maio " è logico che sui titoli delle banche ci siano state le preoccupazioni dei mercati perchè si era scommesso che deficit fosse così basso da favorire solo le banche".

"La mia opinione - afferma il presidente del Consiglio in una intervista al Corriere della Sera - è che i principi di equilibrio del bilancio e di sostenibilità del debito pubblico, a prescindere dal fatto che siano scritti nella Costituzione e nel fiscal compact, siano linee guida che qualunque governo responsabile deve tenere da conto". Questi principi, aggiunge,"non impongono, tuttavia, di rinunciare a esprimere una politica economica e di finanza pubblica interpretando i bisogni dei cittadini in base ai differenti cicli economici".

In una diretta su Facebook, il ministro del Mise ha commentatola la manifestazione dem in Piazza del Popolo, a Roma, organizzata per protestare contro il "governo dei ladri", secondo le parole di Maurizio Martina. "In Italia c'è un governo forte, compatto e destinato a durare che ha il consenso popolare più alto d'Europa e che fa gli interessi del Paese".

Roma: Di Francesco prepara la rivoluzione, Pastore torna titolare
Sarà possibile seguire il match in streaming su smartphone, tablet, laptop e PC per tutti gli abbonati, tramite l'app Sky Go. Ho parlato coi ragazzi all'intervallo, ho detto loro che oggi era come se ricominciassimo il campionato.

"Di Maio deve giustificare il flop della manovra di bilancio e parla di terrorismo mediatico. Restituiamo finalmente un futuro a 6 milioni e mezzo di persone che fino ad oggi hanno vissuto in condizione di povertà e che fino ad oggi sono stati sempre completamente ignorati". Il terrorismo è quello dei brigatisti e degli estremisti. Sui richiami alla Costituzione del Colle chiosa: "Noi rispettiamo tutte le Carte". "Il debito che faremo si pagherà nei prossimi anni con la crescita".

Terrorismo mediatico, sostenuto dalle opposizioni che non sanno più che pesci prendere.

"Quella scena che vedete lì è la scena sincera di ministri felici di aver mantenuto una promessa".

Share