Jimmy Bennett rilancia le accuse contro Asia Argento: 'Sì, mi ha violentato'

Share

Dagli studi di 'Non è l'Arena', per la prima volta in diretta televisiva, Jimmy Bennett ha raccontato la sua verità sulle presunte molestie sessuali che Asia Argento avrebbe compiuto su di lui quando era ancora minorenne. Mi ha incontrato in un hotel, il Ritz Carlton di Marina Bay, California: "io avevo 17 anni e non mi sarei mai aspettato una cosa del genere". In questo momento, ora che la querelle con Jimmy Bennett è diventata oggetto di valutazioni più approfondite anche attraverso i media (si veda l'intervista di ieri allo stesso rocker e attore di Massimo Giletti), sembra che l'indignazione a comando delle prime ore si sia affievolita e che privarsi di un personaggio così ben calato nel ruolo di coach per una vicenda dai contorni fumosi e priva di sentenze "reali" sia, niente più niente meno, che un vero peccato. Così, dopo un po', siamo rimasti soli e ha iniziato a parlarmi del film che dovevamo girare. Argento precisa poi di non aver sentito sua figlia Asia, dopo la messa in onda dell'intervista su La7, per un commento a caldo.

"Ero con un accompagnatore che è salito fino alla stanza dell'albergo - ha raccontato Bennett, ripercorrendo quel giorno - Asia era entusiasta e mi guardava dritta negli occhi, poi ha dato uno sguardo al mio accompagnatore e gli ha chiesto: 'Ma tu chi sei?'". Poi mi ha toccato il corpo in diversi modi, mi ha spinto sul letto e mi ha slacciato la cintura e i pantaloni. Jimmy si è difeso spiegando che aveva piena fiducia in lei e nel suo potere: 'Lei mi ha fatto sentire impotente in quella situazione'. Asia ha abusato del suo potere. Si è fatto strada nella mia vita, mi ha manipolata fino a farsi mandare delle mie foto nuda: "questo mi ha creato danni emotivi".

"Asia? Per me è uguale a Weinstein". "Il legame tra noi era speciale".

Di Maio: "Reddito di cittadinanza solo agli italiani"
Il tema non è sforare il deficit , ma invece quante risorse ci servono per fare le cose che abbiamo promesso in campagna elettorale.

Asia Argento, dopo queste accuse, è finita nella bufera. Asia era molto concentrata sul film e voleva incarnare il rapporto madre e figlio in modo che fosse più realistico possibile, ma sembrava andasse oltre l'aspetto professionale. Infatti, secondo il ragazzo, questa vicenda "Leva il velo di ipocrisia di Asia, perché c'è una perfetta corrispondenza tra il suo schema e lo schema Weinstein".

Non credo che questa faccenda danneggerà il movimento #MeToo. Il rapporto è continuato solo via sms e email. Ma il giovane risponde che "Una donna, per quanto bella e attraente, può comunque usare violenza ad un uomo".

"Sul set la chiamavo mamma". Dall'attrice, però, ha ottenuto 380mila dollari. "Qui vogliamo raccontare la mia storia", ha affermato per poi spiegare il perché non abbia denunciato subito. Il ragazzo ha parlato del suo rapporto con Asia Argento accusandola di averlo violentato.

Share