Trapianto di faccia, terminato l’intervento dopo 27 ore: "È tecnicamente riuscito"

Share

Una equipe dell'ospedale Sant'Andrea di Roma, annuncia il Centro nazionale trapianti, sta effettuando quello che passerà alla storia come il primo trapianto di faccia nel nostro paese.

Con questo intervento si è aperto un nuovo capitolo per i trapianti in Italia. Il prelievo è avvenuto da una ragazza vittima nel Lazio di un incidente stradale ed è stato realizzato nella notte fra venerdì e sabato.

Il trapianto ha richiesto tre anni di preparazione nel corso dei quali i chirurghi si sono formati anche all'estero. Poi un lunghissimo intervento per impiantare il viso. Il primo caso al mondo risale al 2005 in Franciia, quando una donna che era stata attaccata dal suo cane e aveva avuto il viso trasfigurato dai morsi, si era sottoposta al trapianto.

Francia: la magistratura chiede una perizia psichiatrica per Marine Le Pen
Il reato, punito dagli articoli 227-24 e 706-47 del codice penale francese, prevede fino a tre anni di carcere e 75 mila euro di multa.

L'intervento rientra in un protocollo sperimentale, autorizzato dal Cnt dopo l'acquisizione del parere positivo del Consiglio superiore di sanità.

Il personale medico dell'ospedale si preparava da tre anni a eseguire l'operazione; a capo della squadra che si è occupata dell'intervento ci sono il professor Fabio Santanelli di Pompeo, responsabile dell'unità operativa di chirurgia plastica del Sant'Andrea, e il dottor Benedetto Longo. Anche la ministra della Salute Giulia Grillo segue con attenzione gli eventi ma non rilascerà dichiarazioni fino al termine del'operazione. L'anno successivo fu un team cinese ad aggiudicarsi il secondo posto, dopo un'operazione su un trentenne che era stato attaccato da un orso.

Share