Vertice UE, distanze sulla Brexit: a rischio il summit straordinario di novembre

Share

Il modello norvegese, con la permanenza di Londra nell'Area Economica Europea, non va bene perché a suo dire, "tradotto in inglese semplice, significherebbe per il Regno Unito" diventare un Paese vassallo: "sottomesso a tutte le regole dell'Unione, con la continuazione di un'immigrazione incontrollata dall'Ue e nell'impossibilità di stringere accordi commerciali con Paesi terzi", "una presa in giro del referendum" sulla Brexit.

"Se iniziamo a parlare del prezzo di un migrante, è una vergogna per tutti", dice il premier lussemburghese Xavier Bettel, arrivando al vertice europeo di Salisburgo, commentando la possibilità che i Paesi Ue che non accolgono i migranti possano dare un contributo economico. Secondo fonti diplomatiche citate dal quotidiano, c'era inizialmente un consenso sulla scelta di non mettere in difficoltà la May in vista del Congresso del suo partito conservatore fra il 30 settembre e il 3 ottobre. Gli stessi funzionari europei hanno detto che non si aspettavano un esito simile, e che la mossa di Macron vuole aggiungere pressioni e incertezze alla posizione di May, rendendo i negoziati più difficili.

Londra - A meno di sei mesi dal 29 marzo 2019, quando il Regno Unito uscirà ufficialmente dall'Unione Europea, grande è la confusione sotto il cielo britannico. I 27, in un raro esempio di compattezza, hanno fatto muro di fronte a un piano, quello finalizzato dal premier nella riunione di Chequers, che, semplicemente, come ha detto Tusk in conferenza stampa, "non funzionerà".

May ha confermato che "i diritti dei cittadini Ue saranno garantiti anche in caso di mancato accordo" con Bruxelles. Il rapporto nasce dalla mente di Lord Kerr, il quale ha dichiarato che: "Il dado non è irrevocabilmente tratto, c'e ancora tempo".

Tre bimbe accoltellate in un asilo nido. Una ha solo tre giorni
Dei tre bambini , due femmine e un maschio, una bambina è stata portata in gravi condizioni al pronto soccorso più vicino. Gli adulti feriti sono il papà di uno dei bambini nell'asilo nido , e una delle dipendenti della struttura.

Al vertice per ora non è stato raggiunto nessun accordo sulle proposte italiane di modifica della riforma di Dublino e della missione Sophia (Il Sole 24 Ore).

Theresa May è in una tenaglia.

C'è poi, e si fa sempre più forte, la richiesta che il Labour avalli un People's Vote, probabilmente nella forma di un secondo referendum sugli esiti della trattativa. I Tories spendono piu' tempo a litigare fra loro che a negoziare con l'Ue. "È incapace di portare a un buon accordo per il Regno Unito: i giochi politici devono finire, perché il no deal non è un'opzione".

Share