L'Ocse boccia il governo Lega-M5S: "Non toccare vincoli Ue e la Fornero"

Share

Per l'Ocse, ciò sarebbe dovuto fondamentalmente alle "incertezze sulle scelte politiche" che hanno causato in quest'ultimo periodo "più alti tassi di interesse" e di conseguenza una "più lenta creazione di posti di lavoro". Questo il monito sulla situazione economica italiana, lanciato dall'Ocse nelle sue previsioni intermedie. La crescita italiana dovrebbe calare all'1,2% nel 2018, contro la stima di maggio dell'1,4%. Secondo Boone "Bisogna assolutamente continuare le riforme lanciate dal governo precedente - ha continuato nel suo discorso- E la spesa pubblica non deve servire a sostenere artificialmente la crescita con i consumi, ma puntare agli investimenti produttivi".

In vista della messa a punto della manovra per il 2019 è in corso un braccio di ferro tra Lega e M5s - che puntano a un deficit/Pil sopra il 2% per finanziare le misure promesse in campagna elettorale come reddito di cittadinanza, 'flat tax', 'pace fiscale' e superamento della legge Fornero - e Ministero dell'Economia, che vuole restare sotto il 2%. Lo scrive l'Ocse nella revisione dell'Economic Outlook, evidenziando come "un sistema comune europeo di assicurazione dei depositi aumenterebbe la fiducia e contribuirebbe a diversificare i rischi". Dieci anni dopo la crisi dunque, "i rischi politici potrebbero impedire all'Europa di prosperare". Il premier italiano Giuseppe Conte però non festeggia: "Potenziare Frontex nella misura progettata fino a 10 mila uomini a regime con una spesa di 11 miliardi e più, fa anche sorgere problemi sull'utilità di tale investimento".

Borsa: Milano prosegue debole (-0,1%)
Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Zignago Vetro che ha terminato le contrattazioni a -2,63%. L'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, privo oggi di indicazioni macro rilevanti.

In particolare, ha invitato a non disfare la riforma delle pensioni. Non solo proprio l'Italia e la Brexit - ha puntualizzato al Boone - sono i due fattori di rischio maggiore per la crescita globale. "E' vitale che queste riforme continuino perché l'Italia deve andare avanti sul cammino della crescita". I burocrati se ne facciano una ragione. Tria ha ricordato che l'azione governativa avverrà "nel pieno rispetto delle risoluzioni sul Documento di economia e finanza approvate da Senato e Camera nello scorso mese di giugno".

"Il messaggio" dell'OCSE all'Italia è "molto semplice", ha affermato la capo economista Laurence Boone, durante la conferenza stampa di presentazione dell'aggiornamento all'Economic Outlook. "Siamo stati eletti anche per questo e manterremo l'impegno preso", ha risposto piccato di Maio (in visita in Cina), via Facebook.

Share