Brexit, sindaco Londra: appello per un secondo referendum

Share

Roma, 17 set. (askanews) - Il negoziato con Bruxelles langue, il governo litiga e le prospettive economiche, tra rischio di crollo immobiliare e fuga delle banche dalla City preoccupano i britannici.

Il primo ministro non ha utilizzato mezzi termini e in un avvertimento lanciato agli stessi ribelli del suo partito ha ricordato che il divorzio potrà avvenire solo secondo le sue regole, altrimenti il Regno Unito lascerà l'Unione europea senza un accordo.

Recensione Hyundai Genesis 2016
Generalmente, l'automobile è dotata di un sistema di sicurezza a sensore che dispone di telecamere in tutti gli angoli. L'auto è dotata di un motore potente ed è difficile resistere alla sua solidità su strada.

A recriminare sono sia gli oppositori della Brexit, sia i fautori, proprio mentre lei risponde ai dissidenti interni al Partito Conservatore che aderiscono in queste ore a una nuova piattaforma brexiteer ultrà denominata Leave Means Leave di non avere proposte alternative, specialmente sul nodo Irlanda del Nord, e avverte: la scelta è "o la mia Brexit o un no deal". C'è poi la campagna elettorale da considerare.

La premier britannica Theresa May ha affermato che un secondo voto rappresenterebbe un "tradimento della nostra democrazia". Il dilemma si potrebbe evitare se la Ue concordasse, ma dovrebbe farlo all'unanimità, di allungare i tempi del divorzio previsti dall'articolo 50.Altra questione: la domanda e le opzioni sulla scheda elettorale.

Share