00:00 - Ciclismo, Cassani: Nibali non è l'uomo da battere

Share

Il Ct azzurro ha scelto i primi sette titolari, riservandosi ancora un po' di tempo per valutare a chi assegnare l'ultimo posto disponibile tra altri quattro corridori. Questa mattina il CT Davide Cassani ha svelato i nomi degli 11 atleti che si giocheranno gli 8 posti disponibili per la prova in linea di domenica 30 settembre.

Ecco le lista: Fabio Aru, Gianluca Brambilla, Dario Cataldo, Damiano Caruso, Alessandro De Marchi, Davide Formolo, Gianni Moscon, Vincenzo Nibali, Franco Pellizzotti, Davide Villella e Giovanni Visconti.

I nostri punti di riferimento, Nibali e Aru, non arrivano certo all'appuntamento iridato nel loro momento migliore. Aru è reduce da una stagione da dimenticare e nelle ultime tappe della Vuelta è stato ulteriormente condizionato da una caduta e da un attacco febbrile. Dobbiamo essere ottimisti, non siamo favoriti ma possiamo sorprendere. "Ma lui è abituato a certi palcoscenici, ha vinto tutto in carriera e quest'anno ha saputo inventarsi la Milano-Sanremo".

Kurz, doppio passaporto solo con Roma
Il cancelliere cita anche l'Euregio transfrontaliera di Innsbruck, Bolzano e Trento "che è un grande successo ed è un esempio per tutta l'Europa".

A nostro avviso è al 50%, e potrebbe salire al 70-80% per Innsbruck, ma lo Squalo dello Stretto è scettico e l'ha detto chiaramente ieri a Madrid: "Non sono nella condizione di fare la differenza e poter vincere il Mondiale".

Alessandro De Marchi (BMC Racing Team) e Fabio Felline (Trek Segafredo) sono i due convocati per la cronometro individuale. Di fatto, è come se si fosse allenato durante la corsa iberica, vivendo un lungo e atipico allenamento in altura e alternando momenti di crescita a grandi giornate-no: ha provato tre volte la fuga, chiudendo 10° in una tappa e mollando sul più bello nella frazione del Coll de Gallina, e lavorato come gregario di Izagirre, ma ha anche sofferto parecchio in salita.

Share