Filippine, 74 morti per il tifone Mangkhut

Share

Il bilancio, prosegue l'emittente, potrebbe salire poiché ci sono notizie non confermate di un numero imprecisato di vittime nella città costiera di Aparri, nella provincia di Cagayan.

Un'enorme frana si è verificata a Itogon, sull'isola di Luzon, nel nord dell'arcipelago, e il sindaco della località, Victorio Palangdan, stima che una quarantina di persone potrebbe ancora essere sepolta. La tempesta, la più potente del mondo dall'inizio dell'anno, ha distrutto le case e inondato le aree agricole delle Filippine settentrionali prima di proseguire verso Hong Kong e la Cina meridionale, dove fece quattro morti. In sostanza, a causa dei picchi di 242 chilometri orari, gli osservatori metereologici nazionali hanno fatto scattare il massimo stato d'allerta, classificando il tifone come T10, categoria più alta per pericolosità. Circa 50 operai erano impegnati in un tunnel che è stato travolto da una frana. Le autorità della provincia sud-orientale cinese del Guangdong, dove già si contano 4 morti, hanno ordinato l'evacuazione di due milioni e mezzo di persone che abitano nell'area maggiormente interessata dal passaggio del tifone. Sia ad Hong Kong che nel sud della Cina i trasporti sono quasi completamente paralizzati. Il governo ha dichiarato lo stato di calamità per sette province.

Singapore, Vettel sconsolato: "Non avevamo velocità e passo gara"
Credo di avere avuto un po' di sfortuna con il traffico, chi mi stava davanti si spostava da una parte all'altra. Vettel infatti ha ammesso in radio che " Le gomme non arriveranno fino alla fine ".

Qualcosa di simile accadde anche durante il passaggio del tifone Hato, circa un anno fa.

Hong Kong flagellato dal tifone Mangkhut: esplodono finestre, crollano impalcature ed alberi. Intanto, l'aeroporto internazionale di Hong Kong ha cancellato oltre 800 voli creando forti disagi per oltre 100.000 passeggeri. Porta con se valanghe d'acqua.

Share