Papa Francesco arriva a Catania: atterraggio a Sigonella

Share

Una condanna, quella pronunciata da Bergoglio nel capoluogo dell'isola, che richiama lo storico anatema di San Giovanni Paolo II ad Agrigento, nel 1993, un anno dopo gli omicidi dei magistrati anti mafia Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Oggi abbiamo bisogno di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere. "Senti la vita della tua gente che ha bisogno, ascolta il tuo popolo". Eppure "sembrerebbe il contrario", prosegue Francesco: "Chi vive per sé, chi moltiplica i suoi fatturati, chi ha successo, chi soddisfa pienamente i propri bisogni appare vincente agli occhi del mondo". Ora Papa Francesco, giunto alla Missione Sperana e Carità, sta pranzando a fianco di una persona disabile, un posto più avanti c'è il missionario laico Biagio Conte col quale il Santo Padre conversa mentre consuma il pasto nella mensa della Missione "Speranza e carità", in via Decollati, a Palermo. E i mafiosi, e tutti coloro che opprimono, perseguitano il loro prossimo non possono mai essere cristiani, perché tolgono la vita, tolgono i diritti, tolgono il lavoro, tolgono la dignità all'essere umano. Solo dando la vita si sconfigge il male. Ma padre Pino aveva ragione: la logica del dio-denaro è perdente. Dio ci liberi dal vivere al ribasso, ci liberi da una vita piccola, che gira attorno ai piccioli (denaro in dialetto siciliano ndr).

Bergoglio, celebrando la messa, nel corso dell'omelia si rivolge ancora una volta ai mafiosi: "Chi non fa nulla per contrastare l'ingiustizia non è un uomo e una donna giusti". Fa credere che va tutto bene ma in realtà il cuore si anestetizza: egoismo è una anestesia molto potente. Guardiamoci dentro. Avere spinge sempre a volere: ho una cosa e subito ne voglio un'altra, e poi un'altra ancora, sempre di più, senza fine.

Tria favorevole al taglio dell'Irpef
Il Ministro non ha rinunciato ancora una volta a rassicurare sulla riduzione del rapporto rapporto debito-PIL. L'esecutivo M5s-Lega presenterà la nota di aggiornamento al Def con il quadro programmatico il 27 settembre.

Anche a Piazza Armerina, come a Palermo, sono imponenti le misure di sicurezza con 400 unità delle forze dell'ordine che presidiano i varchi di accesso. "Signore, donaci il desiderio di fare il bene; di cercare la verità detestando la falsità; di scegliere il sacrificio, non la pigrizia; l'amore, non l'odio; il perdono, non la vendetta". "Non si può credere in Dio e odiare il fratello".

Share