Il tifone Mangkhut si abbatte sulle Filippine: almeno 14 morti

Share

Isola di Luzon colpita in pieno a breve dal tifone Mangkhut. "Questo tifone può potenzialmente causare danni su larga scala e ogni possibile precauzione deve essere presa prima che tocchi terra". La situazione nelle Filippine vede migliaia di persone in fuga dalle abitazioni, con autentica emergenza nella zona costiera dove si prevedono onde distruttive.

Dopo aver perso parte della sua velocità, la tempesta è stata declassata ad uragano di categoria quattro.

Salvini sulla copertina del Time: "L'uomo che vuol disfare l'Europa"
Il leader della Lega ha ripreso le dichiarazioni del presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti . La prima risposta è arrivata da Maurizio Marceca , presidente della Società italiana di medicina delle migrazioni .

"Non vedevamo un tifone così potente colpire le Filippine da tempo". La tempesta ha scatenato venti di 185 chilometri orari. Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, riunirà infatti oggi il Consiglio nazionale per cercare di ridurre al minimo i rischi e gestire al meglio la probabile catastrofe. Il governo di Manila ha riferito che al momento non si registrano vittime, ma l'uragano ha colpito l'isola di Luzon con violente piogge e forti raffiche di vento. Sono oltre 105mila le persone fuggite dalle loro case nella regione, che è una delle principali aree di produzione di mais e riso del Paese.

Ma il bilancio più drammatico è quello delle vittime: Mangkhut ha causato la morte di dodici persone e continua la sua corsa verso la Cina, tanto che il sottosegretario Riccardo Jalad, direttore dell'agenzia nazionale per la gestione dei disastri, ha sottolineato che tale bilancio è ancora provvisorio e che sarebbe "destinato a crescere ancora".

Share