Il Milan cambia: a Cagliari spazio a Caldara e Laxalt

Share

La trasferta di Cagliari come gara utile a dare ulteriori conferme dopo le ottime cose viste contro la Roma, con Higuain alla continua ricerca del primo gol in rossonero.

Su retroscena Barella: "Con la vecchia proprietà il suo nome era stato fatto, è un giocatore con grandi margini di miglioramento, un prospetto importante, mi piace per come interpreta il ruolo".

Prima di partire per la Sardegna Rino Gattuso ha parlato in conferenza stampa, senza riuscire a mascherare la propria delusione per il trattamento che la critica ha riservato a Mattia Caldara, deludente in Nazionale e ancora in attesa di esordire da titolare con il Milan: "State facendo solo del male a Caldara, non si può distruggere un giocatore dopo una partita. Dispiace per Patrick, spero e credo non sia grave il suo problema, speriamo di recuperarlo per giovedì".

Sui leader: "Romagnoli è cresciuto molto, Reina è un leader incredibile, si trascina tutti dalla parte sua". Per Gattuso, Caldara è un top ma resta fuori perché deve ancora adattarsi ad una difesa a quattro. Il leader deve essere impeccabile.

Obesità, uomo di 180 kg muore senza poter eseguire una tac
Per di più, nella stessa regione, non è neppure il primo caso del genere: soltanto qualche mese fa un uomo di 47 anni è morto dopo aver trovato una tac non funzionante.

Su Higuain: "Nell'amichevole contro il Pro Piacenza ha avuto delle occasioni senza segnare e sembrava l'uomo più arrabbiato al mondo, questo è lui, ti fa capire il campione che è".

Vice Biglia: "Nel ruolo di regista ci possono giocare José Mauri, Bertolacci, Non c'è preoccupazione, Bertolacci lo ha fatto tutto lo scorso campionato, Mauri ha fatto bene in tournée". E' un giocatore che sta dando tanto, si fa voler bene, è coerente, questo è un segnale importante a tutto il gruppo di lavoro.

Sui giocatori rimasti a Milanello: "La più grande difficoltà da parte mia è scegliere chi fare giocare, tutti si allenano con grande professionalità, ogni volta che devo scegliere è difficile". Esperimenti che però non danno la certezza di vederli dal 1′ minuto a Cagliari, ma i due neo arrivati hanno buone possibilità di puntare ad una chance già domenica. "Ha un grande professionista dietro di lui, se lo ascolta, lo osserva e fa copia incolla può fare grandi miglioramenti".

Share