Obesità, uomo di 180 kg muore senza poter eseguire una tac

Share

Renato Perrini, consigliere regionale di Direzione Italia, ha sposato la causa del signor Giulio in quanto l'obesità deve essere considerata vera e propria malattia.

"Stava molto male - racconta Giulio, suo fratello -". Negli ultimi giorni, Luca ha iniziato ad avere problemi allo stomaco, tanto che ogni volta che mangiava o beveva vomitava e non riusciva ad andare di corpo. "Probabilmente nella caduta aveva subito anche danni all'apparato digerente", ha continuato a raccontare il fratello con un fondo di rassegnazione. Ma un macchinario capace di fare una tomografia computerizzata a un obeso non è disponibile.

Vaccini, bimbo no-vax messo ‘in quarantena’ a scuola
Intanto il mondo politico interviene, proprio partendo dal 'Milleproroghè. Infatti nella sua classe ci sono cinque bambini non vaccinati .

In tutta la Puglia i grandi obesi non possono contare su un solo macchinario pubblico per fare una Tac. "Esame che mio fratello non poteva fare perché in Puglia non ci sono macchinari adatti a obesi come lui che nelle Tac normali proprio non entrava". La questione in effetti merita di essere affrontata con la giusta serietà, a maggior ragione se si pensa che il fenomeno dell'obesità purtroppo è in continua crescita (si parla del +8 per cento annuo e nella sola Puglia coinvolge il 13 per cento della popolazione). "Per questo ho presentato un'interrogazione urgente al presidente della Regione, Michele Emiliano, perché venga fatto un monitoraggio su tutte le strutture sanitarie per conoscere quante sono nelle condizioni di poter diagnosticare malattie gravi su soggetti obesi e quindi provvedere a installarle con urgenza in caso di mancanza", spiega Perrini. Vecchione sottolinea che suo fratello "aveva molte patologie, e sarebbe morto comunque: perciò - precisa - oggi non chiedo giustizia o un risarcimento danni, quello che voglio è un piano per l'acquisto di Tac per grandi obesi, affinché a nessun'altro succeda quello che è successo a mio fratello".

Per di più, nella stessa regione, non è neppure il primo caso del genere: soltanto qualche mese fa un uomo di 47 anni è morto dopo aver trovato una tac non funzionante.

Share