Carige, lettera di Bankitalia: serve l’autorizzazione per il "patto Mincione"

Share

Grosso guaio per Raffaele Mincione nella sua scalata al controllo di Banca Carige: nella sera del 13 settembre è stata resa nota una lettera di Bankitalia ai "pattisti" - ovvero insieme a Raffaele Mincione gli imprenditori Gabriele Volpi e Aldo Spinelli - in cui si spiega che i tre devono chiedere alla vigilanza l'autorizzazione a superare la soglia del 10% del capitale (il patto vincola un 15,2% di azioni).

In una lettera inviata a Carige da Bankitalia si legge che, "in mancanza di autorizzazione, non possono essere esercitati i diritti di voto e gli altri diritti che consentano di influire sulla società" per la quota eccedente "la soglia del 10%" del capitale. Senza istanza di autorizzazione, Bankitalia "avvierà il procedimento amministrativo di ufficio".

Si trattava dell'ennesimo capitolo della telenovela Carige, che oggi riporta invece nero su bianco "il superamento del 25% del capitale societario da parte Malacalza Investimenti Srl".

Vaccini, bimbo no-vax messo ‘in quarantena’ a scuola
Intanto il mondo politico interviene, proprio partendo dal 'Milleproroghè. Infatti nella sua classe ci sono cinque bambini non vaccinati .

Ago della bilancia potrebbero essere Sga, accreditata inizialmente di una quota del 4,9% ma che sta approfittando dei recuperi in borsa delle quotazioni di Banca Carige per alleggerire la propria partecipazione, o i fondi azionisti, che però paiono intenzionati a sostenere la lista di minoranza presentata da Assogestioni con l'appoggio di Arca Sgr, Eurizon Capital Sgr, Fideuram Investimenti Sgr, Fideuram Asset Management, Interfund Sicav, Alleanza Assicurazioni, Mediolanum Gestione Fondi Sgr e Mediolanum International Funds.

La decisione della vigilanza arriva a una settimana dall'assemblea per la nomina del Cda, in programma il 20 settembre.

Intanto si avvicina l'assemblea del 20 settembre, che vede in gioco anche l'elenco di nominativi candidati ad amministrare la banca ligure presentato da Assogestioni, che detiene il 2,9% delle azioni e che ha indicato il consigliere e presidente ad interim di Carige Giulio Gallazzi.

Share