Juncker: "Nazionalismo è veleno"

Share

È un giorno ricco di avvenimenti al parlamento europeo, dove Jean Claude Juncker ha pronunciato il suo ultimo discorso sullo Stato dell'Unione, equello che ogni anno il presidente dell'esecutivo europeo tiene a settembre per fare il bilancio del suo mandato e della slaute dell'Europa e annunciare le iniziative per il futuro.

"Vorrei che si dicesse 'no' al nazionalismo malsano, sì al patriottismo illuminato". "Il patriottismo è una virtù, il nazionalismo incontrollato è un veleno che schiaccia", ha aggiunto.

Uragano Florence negli Stati Uniti, un milione di persone evacuate
Sono previsti fino a 50 centimetri di pioggia in alcuni punti, oltre a un preoccupante innalzamento del livello del mare. L'uragano Hurricane spaventa gli Stati Uniti d'America, evacuate 1,5 milioni di persone.

"Dobbiamo e possiamo andare più avanti", continua, anche perché "è aberrante" che l'Europa paghi "l'80% dell'energia importata in dollari", quando solo una piccola parte delle importazioni energetiche "arrivano dagli Usa". Lo ha detto il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, nel suo discorso sullo Stato dell'Unione all'Europarlamento.

Il presidente della Commissione Ue ha colto l'occasione per ricordare che "ogni volta che l'Europa parla con una sola voce, riesce ad imporsi agli altri". Juncker ha affermato: "Rispettiamo meglio l'Unione Europea e non sporchiamo la sua immagine: cerchiamo di difenderla e diciamo sì al patriottismo e no al nazionalismo esagerato che detesta gli altri e cerca di distruggerli". "Gli allargamenti per me restano un successo, abbiamo conciliato geografia e storia, ma restano sforzi da fare". Per esempio "dobbiamo definire in modo definitivo l'adesione dei paesi dei Balcani occidentali altrimenti gli altri si assumeranno compito di dare forma ai nostri vicini". In primis per quanto riguarda l'immigrazione, una piaga che Juncker intende sanare mediante il "rafforzamento della guardia costiera e di frontiera europea fino a 10mila unità da qui al 2020 ed un'agenzia europea per l'asilo".

Share