Vaccini, bimbo no-vax messo ‘in quarantena’ a scuola

Share

Chi non la presenta, peraltro, non rischia l'esclusione, ma soltanto una multa: una situazione assurda, venuta fuori grazie ad una dottoressa di Castelfranco che in un post su Facebook ha raccontato (in forma anonima) la storia del bambino.

Una soluzione potrebbe essere individuare un'altra classe con bambini che siano tutti vaccinati, ma porterebbe certo disagio al piccolo Andrea, che dovrebbe così cambiare i suoi compagni: ciò che è certo è che il suo non è un caso unico, dato che in altre situazioni analoghe i genitori abbiano scelto le vie legali denunciando le scuole. Secondo la dottoressa trevigiana "il fatto è paradigmatico, e sono indignata per queste opinioni che circolano, sproloqui non basati sull'evidenza scientifica, sfruttati da certi politici, e non possiamo più dare spazio all'idiozia". Infatti nella sua classe ci sono cinque bambini non vaccinati.

Sud Sudan, aereo precipita in un lago: 19 morti, salvo medico italiano
Decollato dall'aeroporto di Yuba international, il piccolo velivolo era diretto a Yirol. " Si teme che molti a bordo siano morti ", ha dichiarato un funzionario locale.

Intanto il mondo politico interviene, proprio partendo dal 'Milleproroghè. Perché da un lato c'è la circolare della Regione che dichiara che in presenza di un'autocertificazione che comunica una prenotazione per la vaccinazione entro la fine di dicembre, le scuole devono accogliere i bambini in aula. Ettore Rosato (Pd), vice presidente della Camera, critica la probabile eliminazione dell'obbligo vaccinale previsto dalla cosiddetta legge Lorenzin. Vivendo in un piccolo paese della campagna veneta, i genitori del piccolo non possono nemmeno cambiarlo di classe visto che nell'unica altra sezione della scuola i bambini non vaccinati sono 3.

Insistendo sulla tutela dei bambini a cominciare dagli immunodepressi, come il bimbo trevigiano, Iacomini annuncia che Unicef Italia vuole lanciare il progetto 'Proteggi un bambino. Tanto che sul posto, dopo discussioni e battibecchi, sono dovuti intervenire i carabinieri, che hanno poi segnalato alla Procura quanto accaduto.

Share