Ryanair cancella 150 voli in Germania domani

Share

Gli assistenti di volo e i piloti Ryanair aderiranno ad un altro sciopero che si svolgerà entro il 13 settembre 2018 anche in Italia, quindi comprendendo anche i voli che partiranno e arriveranno a Napoli. È l'ultimo di una serie di scioperi dei lavoratori di Ryanair, che da mesi chiedono condizioni contrattuali migliori. In una nota ufficiale del capo della delegazione del sindacato Cockpit, Ingolf Schumacher, si legge che "nonostante il chiaro segnale mandato con lo sciopero di inizio Agosto, siamo ancora all'impasse sul tavolo delle trattative". I piloti e gli assistenti di volo di Ryanair incroceranno le braccia per 24 ore. Quello fu lo sciopero più grande di tutta la storia della compagnia. E stando a quanto riferito dalla televisione belga Rtbf, lo sciopero europeo dei dipendenti di Ryanair dovrebbe alla fine cadere il 28 settembre prossimo ed esser ufficialmente annunciato il 13 settembre, in occasione di una conferenza stampa a Bruxelles. L'agitazione, ha spiegato Ivan Viglietti della Uiltrasporti, coinvolgerà i lavoratori di sette paesi: Italia, Germania, Irlanda, Olanda, Belgio, Portogallo e Spagna. La richiesta dei sindacati alla compagnia low cost irlandese è di rispettare i contratti nazionali.

Siria: ripresi raid russi e governativi su Idlib
Il summit trilaterale sarà focalizzato sulla situazione a Idlib , ultima roccaforte anti-regime. Ma in realtà c'è il comportamento della Turchia che è decisamente ambivalente.

Nel frattempo si sta svolgendo un referendum tra i piloti italiani per decidere se l'accordo firmato da Ryanair e Anpac sia valido. "Innanzitutto Anpac non è rappresentativa rispetto ai Sindacati Confederali, e in secondo luogo quell'accordo è fortemente lesivo dei diritti dei piloti", ha dichiarato Massimo Marino della segreteria Uiltrasporti Toscana. Attualmente la protesta dovrebbe riguardare gli assistenti di volo ma potrebbero partecipare anche i piloti. Al centro delle accuse dei sindacati italiani c'è il "reiterato comportamento della compagnia nel non riconoscere i diritti salariali, previdenziali e assistenziali ai lavoratori e utilizzando anche personale navigante reclutato da agenzie estere di somministrazione, determinando un dumping salariale ed una giungla di regole non ammissibili per l'Ue".

Share