Brasile, Jair Bolsonaro accoltellato durante una manifestazione: il momento dell'aggressione

Share

Il rivale di sinistra Ciro Gomes ha scritto su Twitter per esprimere indignazione per la violenza politica.

L'attentato ai danni di Bolsonaro ha suscitato lo sdegno dei candidati alle elezioni del 7 ottobre e del Presidente, Michel Temer, che ha subito condannato l'attacco: "È intollerabile vedere che in uno Stato democratico non è possibile avere una campagna normale - ha dichiarato - Questo episodio rivela che dobbiamo prendere coscienza dell'intolleranza che esiste nella società brasiliana".

De Oliveira aveva inoltre postato messaggi a favore della scarcerazione di Luiz Inacio Lula da Silva, l'ex presidente che sta scontando una condanna a 12 anni di reclusione per corruzione e riciglaggio e che figurava primo nei sondaggi per la consultazione del mese prossimo, ma che è stato giudicato incandidabile dal Tribunale Supremo Elettorale. In una conferenza stampa, l'equipe medica che ha seguito Bolsonaro dopo l'attentato che ha spiegato che il dirigente politico è arrivato all'ospedale Santa Casa con una grave emorragia interna, a causa della ferita infertagli, ed è stato sottoposto ad una laparotomia d'emergenza, per valutare i danni causati dalla lama all'interno dell'addome.

Starbucks Reserve Roastery Milan inaugura a Milano
Il negozio di Milano è stato aperto da Starbucks insieme al gruppo italiano Percassi , già attivo nel mercato della ristorazione. Il locale milanese, di 2.300 metri quadrati, ha sede nello storico ex palazzo delle Poste in piazza Cordusio .

Bolsonaro, che ha trascorso quasi tre decenni al Congresso, è un candidato di legge e ordine il quale abitualmente afferma che la polizia brasiliana dovrebbe uccidere sospetti trafficanti di droga e altri criminali a volontà. Gli esperti valuteranno anche le sue condizioni mentali, dato che l'uomo ha dichiarato di aver "compiuto una missione divina, una missione di Dio".

Il portavoce della polizia Flavio Santiago ha confermato all'Associated Press che il suo aggressore è stato arrestato. Durante la sua ultima visita alla famiglia, ha raccontato, "rispondeva alle cose che sentiva nei servizi del telegiornale, e non sopportava essere contraddetto".

L'aggressore è stato fermato e identificato come Adélio Bispo de Oliveira e sarebbe un sostenitore di Lula; secondo i media locali, sul proprio profilo Facebook avrebbe pubblicato foto di manifestazioni per la messa in libertà dell'ex presidente, che non potrà partecipare alle elezioni.

Share