Ferrari, Charles Leclerc potrebbe sostituire Raikkonen nel 2019

Share

"Sostituire Kimi Raikkonen - ha scritto Christy John, autore della petizione - solo a causa di un accordo esistente fatto dalla precedente gestione della Ferrari non è giustificabile mentre l'attuale Capo della Scuderia Ferrari e Sebastian Vettel hanno bisogno di Kimi per mantenere l'equilibrio nella squadra".

Charles Leclerc, classe 1997, aspettava da tempo questa importantissima occasione anche se aleggiava nell'aria già da qualche mese la possibilità che potesse passare a pilota titolare al fianco di Sebastian Vettel a partire dalla prossima stagione al posto di Kimi Raikkonen.

Se prima di Monza sembrava sicura la permanenza in rosso di Kimi, adesso l'addio embra ad un passo.

Mancini: "Italia bravissima nel secondo tempo"
Al Mondiale ci sono state tante critiche per i nostri cambiamenti quindi il mio obiettivo è dare certezze ai miei calciatori. BONUCCI - "Abbiamo commesso errori, ma nel secondo tempo abbiamo dimostrato la voglia di riprendere la partita .

Nella giornata di giovedi è atteso un annuncio importante, che potrebbe sancire il definitivo addio di Raikkonen, e l'approdo in rosso del giovane francese. L'ingaggio di Leclerc era stato fortemente caldeggiato da Sergio Marchionne già all'indomani del GP del Canada, poi rimandata per la prematura scomparsa dell'ex Presidente italo-canadese. "Felici di vederti presto al volante della Rossa Charles Leclerc". La Garage Italia, l'azienda fondata da Lapo, in un post su Facebook (che è poi stato rimosso in tutta fretta), si è congratulato con il pilota monegasco per la carriera e per l'imminente passaggio al Cavallino. "Garage Italia ha sempre creduto in te Charles Leclerc".

Se si vuole analizzare più da vicino la rivalità Vettel-Hamilton, si evince però che a correre (si perdoni il gioco di parole.) maggiore rischi oggi sia la prima guida della Ferrari dimostratosi in gara più emotivo e umano di quanto invece ha mostrato Lewis capace di spremere la sua macchina ben oltre le potenzalità espresse e (ri) conosciute.

Share