Niccolò Bettarini: miei aggressori pestati in cella. Legale smentisce

Share

Parlava a ruota libera, non sapendo di essere intercettato, Niccolò Bettarini, il figlio di 19 anni dell'ex calciatore Stefano e della conduttrice Simona Ventura, pochi giorni dopo il blitz contro di lui a calci, pugni e coltellate del primo luglio scorso davanti alla discoteca milanese 'Old Fashion'. L'informativa, agli atti dell'inchiesta della Squadra mobile e coordinata dal pm Elio Ramondini, riassume, infatti, un'intercettazione del 7 luglio scorso nella quale Bettarini parla al telefono con un amico e gli racconta appunto che ha "ricevuto la visita dei capi della curva dell'Inter" che gli hanno detto che avrebbero fatto pestare i suoi aggressori in carcere.

F1: Vettel, Hamilton non ha dato spazio
Non nasconde la delusione Kimi Raikkonen , secondo al gp di Monza , costretto a cedere alla fine a Lewis Hamilton . BOTTAS, "LA MIA MISSIONE ERA TENERE DIETRO RAIKKONEN" - "Ho cercato di fare il possibile per salire sul podio".

Si torna a parlare della vicenda di Niccolò Bettarini, il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini vittima di un'aggressione a luglio di quest'anno. E Niccolò chiede all'amico "di aspettare qualche giorno poi gli farà sapere quando possono incontrarsi". "Si avvicina sto "albanollo" e mi dice "tu c'hai gli orecchini come i miei" (.) mi ha dato il buffettino in faccia, io gli ho dato un cartone (.) e poi boh me ne sono trovati quindici addosso (.) da lì non ho più capito niente". Chiacchierando sempre al telefono con un altro amico, poi, Bettarini ricostruiva anche come era scoppiata la lite che ha portato alla sua aggressione, "confermando - scrivono gli investigatori - ancora una volta quanto emerso nel corso delle indagini". L'amico: "Sì infatti, quello lo immaginavo". Millanterie, secondo gli ultras nerazzurri che "smentiscono categoricamente", tramite il loro avvocato Mirko Perlino, sia di conoscere Bettarini jr che di aver "fatto picchiare i suoi aggressori". "Tu come al solito reagisci di merda", gli fa notare l'amico. L'avvocato Perlino ha già chiesto al gup Guido Salvini l'acquisizione delle cartelle cliniche per valutare l'entità delle lesioni rispetto all'accusa formulata e la testimonianza in aula di Niccolò Bettarini (parte civile nel processo) sulla ricostruzione di quanto accaduto.

Share