Napoli, Sarri racconta: "Ho saputo dell'esonero guardando la TV"

Share

Un addio consumatosi tra mille incertezze, in una modalità del tutto inaspettata: la storia d'amore tra Maurizio Sarri e il Napoli non ha conosciuto il lieto fine proprio delle favole, tutt'altro. Fiorentina-Napoli? Mi capita di ripensarci. "Sarebbe stato il coronamento di una storia straordinaria, in ogni istante rivivo quei momenti". Qualcuno ha fatto ironia, ma chi ha fatto sport sa che abbiamo perso lo scudetto in albergo a Firenze.

Allora avrà ancora mal di pancia per quell'Inter-Juve? Il ricordo da dimenticare per me sono le sue parole al "Bernabeu" dopo la gara con il Real Madrid: non ho mai snobbato, ho sbagliato solo una partita, quella di andata con il Lipsia, che ci è costata la qualificazione.

Sarri dice che l'unico De Laurentiis a cui vuol bene è Edo, loda Higuain ("Non è un traditore, è andato via da Napoli per i rapporti con De Laurentiis") e augura agli azzurri di riuscire quest'anno a coronare il sogno tricolore soltanto sfiorato l'anno scorso: "Napoli è una città straordinaria, merita di vincere lo scudetto". Io da tifoso sono contento che sia Carlo a fare l'allenatore perché non solo ha vinto ovunque è stato, ma si è fatto voler sempre bene da tutti.

"Sarri al Chelsea? Dovetti fare anche la smentita "d'ufficio", io non sono un chiaroveggente". Il De Laurentiis a cui voglio più bene è sicuramente Eduardo (il figlio del presidente), forse gli manco.

Qualcosa però dopo tre anni si è infranto: come un vaso che cade e tutti i cocci si perdono per l'intera stanza.

"Vi dico tutto su di me, il Napoli e De Laurentiis".

Iliad presenta una nuova offerta, 50 GB a 7,99 Euro al mese
Per il 5G Iliad parte favorita, visto che al momento è l'unica ad avere l'effettivo diritto ad accedere alla banda. Sono stati pubblicati dei dati , che mettono a confronto i vari operatori telefonici, in diversi aspetti tecnici .

Anche perché c'è una cosa che gli manca tantissimo di Napoli: "Nessuno che fa il caffè come Tommaso".

Ma le tre stagioni a Napoli, resteranno sempre nel cuore del comandante Sarri, appellativo con il quale si faceva chiamare: "Mi è sempre piaciuto essere chiamato così, perché mi faceva sentire il rappresentante di Napoli".

Tanti i punti interrogativi ancora irrisolti: "Perché non sono più l'allenatore?" Chelsea? Qui è totalmente diverso: è una festa assoluta, è un piacere arrivare negli stadi e vedere i tifosi con le maglie diverse che prendono una birra assieme. L'intenzione era andare in sala stampa per annunciare la prosecuzione del matrimonio, ma Sarri chiedeva ancora 48 ore.

Il tecnico è tornato anche sul "tradimento" di Gonzalo Higuain, ceduto dal Napoli alla Juventus per 90 milioni di euro nell'estate del 2016.

Nulla è stato più belo che vincere allo Juventus Stadium. "Lì era obbligatorio fare dei cambi se volevamo continuare a sognare lo scudetto, vero obiettivo del gruppo e della squadra".

Share