Vuelta 2018: Ben King fa il bis. Yates leader

Share

Dopo la vittoria di Tony Gallopin in una Vuelta sempre più francese (successi di tappa per Bouhanni e Gallopin, Molard in rosso), la corsa riparte da Linares e arriva ad Almaden dopo 195.1km che non portano allo sprint. D'altronde finora non ci sono state molte tappe che hanno creato distacchi e quasi tutto il ritardo di Aru si deve alla cronometro di apertura a Malaga. Paragone interessante, perché quella Vuelta finì con Ari in trionfo a Madrid: oggi Fabio ha bisogno di ritrovarsi, una grande corsa in Spagna avrebbe un valore inestimabile per tutta la sua carriera. Il terzo posto nella tappa di ieri ha infatti consentito allo spagnolo di balzare al comando della classifica a punti della Vuelta, identificata appunto da una maglia verde. Vincenzo Nibali si è spesso staccato anche su salite poco proibitive e ad un certo punto ha sbottato, chiedendosi addirittura se sarebbe tornato mai più quello di prima, avendo sempre mal di schiena dopo la caduta al Tour. "Seguono il tedesco Emanuel Buchmann a 48" e il britannico Simon Yates a 51". I distacchi comunque sono ancora minimi, a maggior ragione se si escludesse Molard che non ha certo la classifica finale tra le sue ambizioni: da Valverde in poi, ci sono una quindicina di corridori nello spazio di un minuto.

Ben King (Usa, Dimension Data) ha vinto per distacco la nona tappa della Vuelta, 200,8 km e arrivo in salita a La Covatilla.

Forza Ferrari, il Gp d'Italia live: Raikkonen rientra, Hamilton in testa
Ma i punti persi da Hamilton fanno male in classifica: ora l'inglese guida il Mondiale con 30 lunghezze di vantaggio . Davanti a tutti, però, c'è l'altra Mercedes di Bottas, che rallenta Raikkonen e consente ad Hamilton di avvicinarsi.

L'arrivo leggermente in salita, però, non ha favorito i velocisti puri e Valverde, che non era in testa, è riuscito ad uscire dal gruppo che preparava la volata e con un paio di metri di vantaggio ha chiuso su Sagan e Van Poppel. Si parte con il Puerto del Pico (1^ categoria 15,3 km al 5,5%) e si continuerà con l'Alto de la Gredos (3^ categoria 10,1 km al 3,7%) e il Puerto de Peña Negra (2^ categoria 13 km al 4,5%) prima dell'ascesa finale (9,8 km al 7,1%) che porterà al traguardo.

Share