Donna accoltella passanti, un morto - Ultima Ora

Share

Una donna di 58 anni di nazionalità polacca ha accoltellato con un coltello da macellaio quattro passanti all'interno del museo civico di Canneto sull'Oglio, nel mantovano. La quarta persona coinvolta è la signora in carrozzina, che è caduta sul selciato. La notte scorsa aveva già aggredito una persona che stava prendendo le sigarette a un distributore automatico, che però aveva reagito riuscendo ad allontanarla. Il racconto di Quatti è sconcertante: "Aveva gli occhi fuori dalle orbite". Secondo una prima una ricostruzione dei carabinieri, la donna ha accoltellato inizialmente una visitatrice del museo civico per poi uscire in strada e colpire a coltellate altre due persone, mentre una terza è stata ferita con una spintonata.

Sul posto è giunto il comandante della polizia municipale di Asola Marco Quatti, che le ha lanciato addosso una bicicletta, l'ha colpita con un calcio e l'ha infine bloccata. Si trovava fuori servizio e stava andando a trovare il padre presso la casa di riposo dinanzi al museo, quando ha assistito alla scena ed ha deciso di fare la propria parte: "Teneva in mano due coltelli da macellaio - le parole del vigile riportate dall'edizione online del quotidiano La Repubblica - e mi veniva incontro".

Io le dicevo 'mettili giù' e lei mi urlava 'vai via'.

Recensione Hyundai Genesis 2016
Generalmente, l'automobile è dotata di un sistema di sicurezza a sensore che dispone di telecamere in tutti gli angoli. L'auto è dotata di un motore potente ed è difficile resistere alla sua solidità su strada.

I feriti sono stati trasportati in ospedale (uno di questi con un elicottero). Mi sono avvicinato e e ho visto che l'uomo aveva del sangue sulla maglia e la donna che strillava impugnava due grossi coltelli. In primis la morte della bibliotecaria volontaria del museo, Paola Beretta, dipendente comunale morta sul colpo dopo essere stata raggiunta da un fendente sotto il costato.

Il 65enne, che spingeva la madre in carrozzina, sarebbe stato colpito solo di striscio e non ha necessitato di cure ospedaliere. Secondo quanto riferito da La Stampa, la signora dell'est avrebbe agito "probabilmente in preda ad un raptus" nel museo civico di piazza Gramsci che ospita la collezione del giocattolo storico. Sul luogo dell'aggressione in pochi minuti sono accorsi gli uomini e le donne delle forze dell'ordine, che hanno blindato il paese e fermato la donna.

Share