L'amica geniale a Venezia, in tv in autunno ed evento in sala

Share

Accogliendo l'invito della Wildside e della Fandango, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e l'assessore alla Cultura, Nino Daniele, saranno alla 75esima edizione del festival del cinema di Venezia per l'anteprima de "L'amica geniale", la serie girata a Napoli e tratta dai più grandi successi letterari di Elena Ferrante. "Restituire al pubblico, italiano e internazionale, un viaggio esperienziale usando i mondi dei personaggi creati da Elena Ferrante - ha concluso Andreatta - è una sfida che la Rai non poteva non raccogliere". La vicenda parte proprio quando Elena Greco, ormai anziana, apprende che l'amica di una vita, Raffaella Cerullo detta Lila, è scomparsa: si mette dunque al computer per scrivere degli oltre cinquant'anni di vita condivisa, da quando si sono appunto conosciute nella Napoli travagliata e affascinante degli anni Cinquanta.

"Il mio coinvolgimento nel progetto è merito di Elena Ferrante che ha suggerito il mio nome ai produttori, avevo letto la tetralogia ma non avrei mai pensato di realizzarla - ha detto Costanzo che firma la sceneggiatura insieme a Francesco Piccolo e Laura Paolucci - però quando mi è stato proposto non ho esitato". La serie Hbo-Rai Fiction e Timvision, andrà in onda in autunno, data ancora da definirsi, nello stesso giorno e nella stessa fascia oraria su Raiuno e sulla piattaforma streaming.

Il giusto successo mondiale del ciclo narrativo della Ferrante ci fa sperare che la serie televisiva, costruita con tanto impegno e lavoro, rafforzerà questa generale consapevolezza. Perfino il regista di "La solitudine dei numeri primi" e di "Hungry Hearts" (un mio film del cuore), che gira di norma da padreterno, sembra intimidito dal mezzo tv.

Ora legale cancellata in Italia ed Europa? La proposta Juncker fa discutere
Se non ci fosse l'ora legale il sole tramonterebbe alle 21.40, un orario decisamente più tollerabile. Abolita nel 1920 , negli anni successivi è stata eliminata e reintrodotta.

Le piccole Lila e Lenù sono Elisa Del Genio e Ludovica Nasti, mentre le ragazze adolescenti protagoniste dei successivi episodi, di cui a Venezia si sono viste le prime immagini in una sorta di trailer, sono Margherita Mazzucco e Gaia Girace. "Io credo che la modernità di quest'opera sia nel ruolo della maestra di scuola elementare, vero deus ex machina della storia".

"Non fatemela pagare, la citazione di Anna Magnani che stramazza a terra in Roma città aperta", chiede alla stampa, e poi Saverio Costanzo chiude: "Riempiamo le pagine del romanzo come uno spettatore al cinema che riflette la propria luce sullo schermo e completa l'opera".

Share