Si gioca il 24! Nessun rischio sciopero. Tommasi: "Non avevamo alcuna intenzione"

Share

Il campionato di Serie B continua a essere al centro delle polemiche.

Le indicazioni della Lega B e quindi dei club di serie B sono state chiare; no ai ripescaggi e campionato a 19 squadre e dopo una tribolata attesa è arrivato il sorteggio del calendario. "Per questo motivo, l'Associazione Italiana Calciatori continuerà a fornire in tutte le sedi giudiziali sportive e ordinarie, il supporto necessario alla salvaguardia dei diritti dei calciatori loro malgrado coinvolti". "Oggi non avevamo intenzione di proclamare nulla" sottolinea Tommasi. C'era un problema: "abbiamo dovuto inseguire e analizzare fino al 13 agosto dopo due rinvii della presentazione del nostro calendario e a quella data ancora non avevamo chiaro se ci fossero delle decisione degli organi di giustizia che ci indicassero la strada da percorrere".

Il Presidente della Lega B non fa sconti: "Credo che il campionato debba partire".

Spalletti carico: "L'Inter andrà a giocarsi lo Scudetto"
Come si prepara il Sassuolo? "Il Sassuolo ha uno score contro di noi che è facile da vedere, è sempre stata una sfida difficile". Loro sono i più forti, ma noi siamo nel gruppo di squadre che vogliamo provare a lottare per lo scudetto .

La spaccatura comunque è netta: i giocatori chiederanno di tornare a 22 squadre mentre il fronte dei club mette pressione per far naufragare l'ipotesi di uno sciopero, facendo partire il campionato.

"Forse neanche le società si rendono conto di quello che hanno generato: domani potrebbero trovarsi in altre categorie e subire la stessa decisione", lascia intendere Tommasi, che parla di "precedente pericoloso" e di eventuali "azioni legali", auspicando al contempo un passo indietro di Mauro Balata con il quale, assicura, "ci sentiremo nelle prossime ore".

Fabbricini è sorpreso dal paventato rischio sciopero: "Mi sembrerebbe un po' strano in questo momento vista la compattezza di tutte le 19 squadre di B che mi hanno richiesto a gran voce e con tanto di delibere assembleari di non fare ripescaggi". Siamo arrivati al 13 agosto con 19 squadre regolarmente iscritte e dovevamo far seguito ai diritti di queste squadre. Due partiti che si scontrano. Il braccio di ferro rimane, più forte che mai.

Share