Afghanistan, Kabul: kamikaze in una scuola, 48 studenti uccisi

Share

L'Afghanistan, colpito da una nuova fiammata di violenze, piange i giovani uccisi ieri a Kabul, nell'attentato contro un istituto di formazione per studenti, che si preparavano ai test d'ingresso all'università rivendicato dall'Isis. I talebani smentiscono il loro coinvolgimento. Al momento non ci sono notizie di vittime. Testimoni riferiscono di scontri a fuoco in corso e portavoce del ministero dell'Interno ha confermato l'arrivo delle forze speciali sul posto.

Nelle stesse ore nella provincia di Laghman, a est di Kabul, sei bambine di età compresa tra i dieci e i dodici anni hanno perso la vita a causa dell'esplosione di un ordigno che era rimasto inesploso.

I video del crollo del ponte Morandi a Genova
Le autorità cilene hanno confermato che in auto con lui c'erano altri due concittadini: si tratta di Nora Aravena e Juan Pastene . E la sottovalutazione ha in molti casi giustificato la non adeguata manutenzione. "Era molto costoso da gestire".

Un gruppo di uomini armati ha attaccato un centro di addestramento militare dell'intelligence afghana a Kabul, all'indomani del terribile attentato kamikaze che ieri ha ucciso 34 studenti nella capitale. Feroci combattimenti anche in altre province: in quella di Zabul, 400 talebani sono stati respinti nell'attacco a un checkpoint nella città di Qalat. Imprecisato il numero delle vittime. Dal canto suo il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) ha fatto sapere che non è riuscito a esercitare pressioni sui funzionari penitenziari affinché forniscano cure mediche adeguate a coloro che stanno conducendo lo sciopero.

Share