Gli Oscar cambiano regole: ecco il premio per i film "popolari"

Share

Dopo l'annuncio da parte dell'Academy of Motion Picture Arts and Sciences di voler introdurre la nuova categoria del "Best Popular Film" già a partire dai 91° Academy Awards del prossimo anno, le polemiche all'interno e fuori dell'AMPAS non sono cessate. Il comunicato non ha rivelato le caratteristiche da soddisfare per poter qualificare nella categoria, ma è chiaro che l'intento dell'accademia sia quello di valorizzare quei blockbuster che solitamente vengono confinati dai giurati nelle categorie tecniche, e pensiamo ai cinecomic Marvel, ai film di Star Wars o a Harry Potter.

Juventus, Douglas Costa: "Cristiano Ronaldo ci porta a un altro livello"
Seconda stagione alla Juventus per Douglas Costa , protagonista della scorsa annata grazie alle sei reti e ai tantissimi assist dispensati ai suoi compagni.

Ma l'Academy, che ha rinnovato il mandato di presidente al direttore della fotografia John Bailey, ha voluto apportare anche altre importanti modifiche, a cominciare dal taglio della durata della cerimonia degli Oscar. Alla notizia di questa importante novità, sui social sono piovute le critiche: secondo molti questa scelta, fatta per avvicinare il grande pubblico, comporterà una svalutazione dell'importanza dei premi. Non tutti i vincitori delle ventiquattro categorie saranno quindi premiati in diretta, inserendo poi le immagini della consegna di alcune statuette, che avverrà durante gli spot, nella trasmissione. E non finisce qui: se la prossima edizione si terrà, come previsto, il 24 febbraio 2019, dal 2020 cambierà anche la data della cerimonia, spostata al 9 febbraio.

Share