Fuga da Carige: anche Lucia Venuti si dimette

Share

Non c'è pace per Banca Carige. Con quella di Pezzolo, le dimissioni dal cda di Banca Carige sono salite a sette. Si tratta di Lucia Venuti, a suo tempo nominata nella lista dell'azionista di riferimento (col 20,6%), Malacalza Investimenti.

Ieri il consiglio di amministrazione, dopo aver analizzato le offerte vincolanti per un portafoglio di posizioni Unlikely To Pay (uTp) fino a 400 milioni euro di gross book value, ha deciso di assegnare a Bain Capital Credit un periodo di esclusiva fino al 15 ottobre ma ha rinviato l'approvazione dell'operazione in attesa della nuova composizione del consiglio deliberata dall'assemblea del 20 settembre prossimo. Intanto la Cassazione ha confermato due sanzioni emesse dal ministero dell'Economia nel 2001, nei confronti di Carige, per un totale di circa 3,6 milioni per violazione delle norme contro il riciclaggio nella filiale di Mondovì (Cuneo).

Pjanic non lascia ma raddoppia: rinnovo e ingaggio ritoccato
Calciomercato Juventus: nonostante l'arrivo di Cristiano Ronaldo , è tutt'altro che chiuso il mercato bianconero. Il francese non convince totalmente.

"Nell'immediato, riservandosi ogni ulteriore osservazione - si legge ancora nella nota stampa - con riferimento all'affermazione inerente la possibile messa in risoluzione della banca in conseguenza delle problematiche di governance e della mancata approvazione del Piano di conservazione del capitale, la banca ritiene doveroso precisare che la richiamata proposta di decisione, notificata dalla Bce il 20 luglio 2018, non contiene nessun riferimento a una eventuale risoluzione".

I tempi sono stretti anche perché la Bce aspetta risposte concrete da parte di Carige. Pezzolo ha ringraziato i colleghi consiglieri, il collegio sindacale, il management e tutta la struttura della banca per il prezioso aiuto datogli nello svolgimento dell'incarico.

Share