MotoGP Rossi: "In Yamaha facciamo il massimo, non serve stravolgere tutto"

Share

Il Dottore, in conferenza stampa, presenta così l'appuntamento austriaco: "Qui, sulla carta, è la pista peggiore o una delle due o tre peggiori dell'anno per noi, però dobbiamo cercare di rimanere concentrati e di non buttarci giù, anche perché sulla carta è un conto, ma poi in gara può succedere di tutto".

Valentino Rossi ha lottato a Brno dall'inizio, ha condotto la gara nelle prime fasi, anche per breve tempo, fino a perdere posizioni e a guadagnare in extremis la quarta piazza finale. "Diciamo che sei bravo se con il tuo assetto riesci a trarre il massimo del tuo potenziale e spesso lo abbiamo ottenuto - analizza Vale -". Ciononostante, Rossi resta molto perplesso: "Secondo me, si tratta di quanto grande sia la voglia di vincere della Yamaha. Nel pomeriggio, sul bagnato, avevo della buone sensazioni ma e' in queste condizioni che i problemi al posteriore, in accelerazione, si amplificano". Riesco a guidare preciso, riesco ad entrare in curva forte.

Moto Gp Brno, Valentino: "Non sono contento: volevo il podio"
Anche ai box abbiamo fatto le scelte giuste, ma secondo me il quarto posto era il massimo che potevamo fare. E' un lavoro molto difficile perché è davvero di precisione, quindi ci vuole un po' di tempo".

Inizia con qualche imprevisto il weekend del Gp d'Austria per la Yamaha e Valentino Rossi. Mi sembra che Honda e Ducati abbiano speso di più di noi nell'ultimo periodo, come test team, come persone che lavorano sull'elettronica. A me piacerebbe che la Yamaha si impegnasse al 100%, perché io penso che non gli manchino il budget e le persone valide. "Mi piacerebbe. Ma non posso dirlo con certezza, quest'anno non abbiamo mai corso su questa pista bagnata".

Share