Vigilanza Rai, il cda boccia Laganà

Share

In particolare, si legge nel comunicato, è stata appovata "l'acquisizione del pacchetto di immagini per tre stagioni del campionato di calcio di serie A, al via il prossimo 18 agosto, e il rinnovo del contratto per la produzione della fiction 'Un posto al sole', in onda su Rai3 dal 1996"."Si tratta - si sottolinea - di due decisioni urgenti e indifferibili per la Rai". A margine dei lavori al Senato, il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ha fatto il punto della situazione: "Per me il CDA è operativo anche senza presidente". Nella lettera si evidenzia anche l'urgenza e "si sollecita l'adozione della nuova delibera di nomina del presidente". Questa rientra nelle competenze del consiglio di amministrazione e costituisce il presupposto indispensabile per superare l'anomalia della attuale situazione. "Al contrario si e' in presenza di una nomina che non e' stata perfezionata in sede parlamentare con la prevista maggioranza, nonche' della circostanza che lo stesso consigliere, gia' individuato per la carica di presidente, si trovi a presiedere il Consiglio di amministrazione nella veste di consigliere piu' anziano". I consiglieri di amministrazione quindi "dovrebbero valutare di astenersi dal procedere ad altri atti, quali, ad esempio, le nomine dei direttori di rete, di canale e di testata".

E quanto, infine, al consigliere anziano Marcello Foa, i rappresentanti dei giornalisti italiani rilevano: "La sua presunzione di continuare a svolgere un inesistente ruolo di coordinatore è un atto di arroganza e di prepotenza nei confronti di quanto votato e scritto dal Parlamento". Annunciata stamattina dal capogruppo Pd in commissione Davide Faraone, dopo la riunione dell'ufficio di presidenza della Vigilanza, la missiva a invita il Cda a pronunciarsi sulla scelta del nuovo presidente. "Bisogna eleggere il presidente della Rai, la legge dice che serve un'intesa tra i gruppi e fino a quando non c'è questa intesa non c'è un presidente". "La commissione che presiedo", conclude il presidente della commissione Alberto Barachini, "potrà essere immediatamente convocata per procedere". "Come hanno sintetizzato diversi interventi, noi auspichiamo semplicemente che, nel rispetto dei ruoli, si arrivi alla nomina del presidente della Rai - ha aggiunto -".

Di Maio: intesa con la Lega sulle grandi opere
Ad assicurarlo e' il ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini ad Arcore alla festa del partito. La sanzione è un approccio sbagliato bisogna coinvolgere le famiglie, devono ascoltare il pediatra.

Non mancano le polemiche sulla piena operatività del Cda, con il senatore del Partito Democratio che, come riporta Repubblica, ha replicato a Di Maio: "Di Maio sbaglia".

Share