Torino: madre aggredita e abusata sessualmente dal figlio di 30 anni

Share

Ha raccontato [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play] di essere stata aggredita, sequestrata per ore e violentata dal figlio caduto in preda ad allucinazioni provocate dal crack.

La denuncia della donna, a Torino, ha portato all'arresto del trentenne accusato di violenza sessuale. Sul caso, anticipato dalle pagine locali del quotidiano 'La Stampa', stanno indagando la polizia e la procura. A far chiarezza saranno le analisi del DNA disposte sia su alcuni campioni di vestiti della donna che sui tamponi biologici prelevati nel corso della visita medica a cui è stata sottoposta la donna al Sant'Anna. L'episodio si è verificato qualche giorno fa: il ragazzo è stato arrestato ed è già stata effettuata l'udienza di convalida della misura cautelare.

RisorgiMarche chiude con il botto. Una folla oceanica per Jovanotti
Poi Jovanotti ha voluto regalare parole di stima proprio per Marcorè che si è inventato un festival che nelle scorse settimane ha visto tra i protagonisti Piero Pelù, Alex Britti, Luca Carboni, Clementino, e Paola Turci.

Giunti sul posto hanno trovato la donna in stato di choc che ha raccontato loro di essere stata chiusa in casa per oltre tre ore contro la sua volontà, e che in quel lungo lasso di tempo è stata violentata ripetutamente. "Mentre mi violentava era in preda alle allucinazioni".

E ancora: "Stavo per uscire di casa, per andare a lavorare, quando lui mi ha aggredito in cucina". "Ho cercato di fermarlo, ma lui mi ha minacciata. Solo adesso sono riuscita a liberarmi e a chiedere aiuto". Seguito dal suo avvocato Roberto Franco, ha respinto ogni accusa. "Era fuori di sé", ha aggiunto. La donna, separata dal marito, dal quale aveva avuto i due bambini che sono deceduti nell'incidente, é una casalinga, vive a Milano ed era venuta in vacanza a Brancaleone insieme ai due figli ed al convivente, originario proprio di Brancaleone e che fa l'insegnante nel capoluogo lombardo. Mi ha immobilizzata e abusata. "Ho preso il telefonino dalla borsa ed ho chiamato la polizia", spiega.

Share