Bari calcio, Aurelio De Laurentiis è il nuovo proprietario

Share

Per me custodire storia e passione è stata una grande responsabilità. Solidità economica, competenza sportiva, gestione di una società in Serie A e nelle coppe europee.

L'obiettivo di De Laurentiis è ovviamente ambizioso. In generale, ho chiesto una mano a Edy Reja ma nella chiacchiarata telefonica che abbiamo fatto mi ha detto di aver smesso di allenare.

Sui retroscena: "Preziosi si è presentato in ritardo, non aveva tutta la documentazione, ma una lettera d'intenti". Vogliamo una cavalcata rapida per provare a tornare in Serie A. Sceglierà tra Bari e Napoli? Piano piano, però, abbiamo iniziato a capirci e ci siamo trovati in sintonia. Per fugare questo problema, ho convinto in due giorni mio figlio Luigi a darmi una risposta sul Bari.

"Il Bari ha una storia molto lunga: 110 anni, tra momenti belli e meno belli". Oggi è a Londra ma il presidente sarà lui. Noi siamo insieme ai tifosi, anche se poi negli ultimi venti anni i sostenitori si sono allargati perché ci sono quelli da stadio normale e quelli da stadio virtuale.

Caldo, allarme Legambiente: oltre 23mila morti in 23 città in 11 anni
Legambiente rivolge anche un appello al governo: "Chiediamo di approvare quanto prima il Piano di adattamento ai cambiamenti climatici e di mettere al centro gli interventi che riguardano le città".

L'ufficialità - La notizia del nuovo assetto proprietario è arrivata ieri sera. "Voglio mettere tanta esperienza al servizio di questa squadra, ho già trovato un nome per il vivaio, che è quello di Filippo Galli". Il presidente spiega le ragioni che lo hanno spinto a investire nella società e quali profitti si potranno avere anche in chiave Napoli. Ad annunciarlo il sindaco del capoluogo pugliese Antonio Decaro. Napoli-Bari: ora non è solo un'autostrada a collegarle, ma un destino calcistico che dovrà essere scritto, nel bene e nel male.

Ho il grande difetto di credere molto in me stesso. Poi la B e la cavalcata fino alla Serie A, siamo stati per 9 anni di fila in Europa.

Proprio su questo argomento, De Laurentiis ha infine tenuto a specificare chi si occuperà della squadra pugliese: "Dovete stare tranquilli, il Bari non sara' mai un'appendice del Napoli".

"Per creare una sorta di squadra del sud, per poter essere utile a questi territori".

Share