Riforma pensioni, Quota 100 subito ma con delle penalizzazioni

Share

Durante la festa nazionale della Lega a Cervia, il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha affrontato nuovamente il tema delle pensioni e del superamento della Legge Fornero con introduzione di quota 100, quota 41 e la proroga di opzione donna.

Come confermato da Di Maio prima e da Salvini poi, infatti, la riforma Fornero sarà "smantellata pezzo per pezzo", ma questo processo sarà lungo e richiederà diversi anni visto che non ci sono abbastanza risorse per cancellare fin da subito tutto l'impianto della Legge che dal 2011 - data in cui è entrata in vigore - sta facendo molto discutere.

Di Maio ha ricordato che con le norme attuali i sindacalisti "possono avere una pensione di privilegio" e ha assicurato che il governo interverrà "in maniera risoluta per evitare che privilegi vengano mantenuti".

Terminator, Paramount Pictures svela la prima foto al femminile, le news di
Ricordiamo inoltre che ieri Arnold Schwarzenegger ha annunciato di aver iniziato la propria sessione di riprese. La sceneggiatura è stata affidata a David S.

Discorso diverso per la ormai nota Quota 41, che permetterebbe di andare in pensione con 41 anni di contributi a prescindere dall'età anagrafica. Dice che il governo vuole "eliminare ogni privilegio perché i cittadini sono tutti uguali e devono essere trattati alla stessa maniera: questo vale anche per le pensioni dei sindacalisti e nulla osta a metter mano a questo dossier".

Ma l'età minima non è l'unico limite che il Governo intende attuare per ridurre le uscite anticipate dal lavoro (e di conseguenza anche i costi della riforma).

Quota 100, dunque, dovrebbe essere inserita nella prossima legge di Stabilità, mentre per quota 41 e la revisione dell'Ape sociale i tempi sarebbero più lunghi. Solo tra due anni, quindi, tutti i lavoratori (e non solo i precoci come avviene oggi) potranno smettere di lavorare se maturari i 41 anni di contributi (più altri 5 mesi a partire dal prossimo anno).

Share