Serie B: si giocherà nelle festività natalizie, sostituzioni bonus negli spareggi

Share

Slitta la presentazione dei calendari di Serie B e la Lega resta convinta che il campionato sarà a 20 squadre: "Non avendo ottenuto risposte dalla Federazione in merito al nome della 20ª squadra per completare gli organici - scriveva l'organo di B nel pomeriggio in una nota - è stato annullato l'evento di lunedì a Cosenza". Probabilmente la presentazione del calendario andrà in scena a Milano, nella sede della Lega B, ma è ancora difficile prevedere la data, in attesa che con i ripescaggi siano definite tutte le squadre partecipanti al campionato. Infatti i ricorsi presentati da Ternana e Pro Vercelli, le quali non accettano i primi due gradi di giudizio per la sentenza "Novara" che ha radicalmente stravolto i criteri di ripescaggio, incidono su questo ennesimo slittamento. Per quanto concerne il format, nelle feste natalizie si giocherà con pausa dal 31 dicembre al 19 gennaio; nel limite del possibile si cercherà di accontentare i club che non vogliono scendere in campo nelle pause per le nazionali.

"La Lega B desidera ringraziare la Città di Cosenza, e la società del presidente Guarascio, per l'ospitalità offerta nell'organizzare dell'evento, ma anche per la pazienza e la disponibilità dimostrata in questi giorni" si legge nel comunicato uscito oggi. "Le società della Lega B, dopo un breve sondaggio di questi giorni, hanno deciso di confermare le tre sostituzioni per le gare della stagione regolare, aggiungendo un eventuale quarto cambio nelle partite in cui sono previsti i tempi supplementari, ovvero nei playoff e nei playout". "In data odierna - prosegue il comunicato federale -, la Figc ha ribadito tale comunicazione alla Lega B, invitandola nuovamente a trasmettere le certificazioni di sua competenza, necessarie ad esaminare le domande per l'integrazione dell'organico a 22 squadre".

Pil: Istat, in 2° trim. +0,2%, +1,1% su anno
Basandosi su dati tendenziali, l'Istat spiega che stanno continuando "le tensioni sui prezzi dei prodotti di largo consumo". Il Pil acquisito per il 2018, quello che si avrebbe se nel secondo semestre la crescita fosse zero, è pari a +0,9%.

"Radiofonico" per il triennio 2018-2021 con un sensibile aumento dei ricavi rispetto ai tre anni precedenti.

Share