La Disney non riassumerà James Gunn per Guardiani della Galassia Vol. 3

Share

Il primo, come anticipato sopra, è stata la lettera del cast che si è schierato a favore del regista (potete leggerla qui), il secondo è che Disney non sia corsa subito alla ricerca di un sostituto ma stia in effetti temporeggiando, il terzo è che la notizia arriva da un profilo Twitter di un insider di Disney che solitamente è molto attendibile (potete leggerlo qui).

James Gunn, autore e mente creativa dietro dietro i successi cinematografici targati Marvel Studios Guardiani della Galassia e Guardiani della Galassia Vol. 2 è stato licenziato in seguito al ritrovamento di suoi vecchi tweet di natura estremamente controversa, risalenti a ben 10 anni fa. Adesso Variety afferma che la Disney difficilmente tornerà sui propri passi e, di conseguenza, difficilmente richiamerà Gunn come filmaker, questo perché "il pensiero della Disney e della Marvel è che le molteplici battute che Gunn ha fatto su pedofilia e stupri sono inaccettabili nell'era del #MeToo e non in linea con l'immagine familiare della Disney". "Non penso che la Disney lo riassuma", dice una fonte vicina al regista.

Secondo quanto riporta il sito, la Disney non era a conoscenza dei tweet finché non sono venuti a galla e la decisione del licenziamento è stata presa direttamente da Horn, prima ancora di ascoltare sia Bob Iger che Kevin Feige.

ROMA. Ministero Salute, bollino rosso per caldo in varie città
Venti deboli di Maestrale al Centro-Sud, localmente moderati intorno alla Puglia. Sarà un pò meno afoso al Sud, dove la temperatura sarà qualche grado in meno.

Mentre prosegue ed è accesissimo il dibatto sulla scelta della Disney - che vede da una parte schierati i fan del regista e il cast di Guardiani della Galassia a invocare il suo ritorno, e dall'altra, altrettanto numerosi, coloro che sostengono che il licenziamento sia stato corretto - dal Web arrivano nuove indiscrezioni.

Il comunicato è stato firmato e condiviso sui social da Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista, Bradley Cooper, Vin Diesel, Sean Gunn, Pom Klementieff, Michael Rooker e Karen Gillan. James non sarà l'ultima brava persona a essere messa sotto processo. Inoltre, la redenzione, tema molto importante anche nei primi due film dedicati ai Guardiani della Galassia è più che mai attuale in questo caso.

Share