Italiano il genio della Matematica

Share

Fields, Figalli: "Dalle nuvole alla matematica: ecco cos'è il trasporto ottimale" Alessio Figalli, 34 anni, ha ricevuto la medaglia Fields, il Nobel per la matematica.

Istituito nel 1936, soltanto una volta - nel lontano 1977 - era stato riconosciuto all'italiano Enrico Bombieri. L'annuncio è stato dato in occasione dell'apertura del Congresso Internazionale dei Matematici, in corso a Rio de Janeiro. Questo riconoscimento, della portata di un Nobel, è per lui "un grande stimolo per il futuro, che mi motiverà a continuare a lavorare nei miei settori di ricerca per cercare di produrre studi di altissimo livello". Ha vinto la medaglia Fields, il Nobel per la matematica, titolo che all'Italia mancava da 44 anni. Tale premio arriva per i suoi contributi alla teoria del trasporto ottimale, e la sua applicazione alle equazioni derivate parziali, alla geometria metrica e alla probabilità. "La medaglia Fields ha detto ancora Figalli - premia la continuità di un lavoro che si è protratto nel tempo a partire dall'anno della laurea a Pisa e del dottorato di ricerca tra Pisa e Lione".

Nato nella Capitale il 2 aprile 1984, Figalli si forma in Italia: dopo gli studi classici al liceo "Francesco Vivona" nel quartiere Eur, si laurea alla Normale di Pisa, in anticipo di un anno sul piano di studi. Successivamente, nel 2008, Figalli ha ottenuto la docenza all'École Polytechnique di Parigi e nel 2009 nell'Università del Texas ad Austin, dove, nel 2011, è diventato professore ordinario. E' magnifico poter essere il primo a dimostrare qualcosa che ha occupato molti matematici per anni.

ROMA. Ministero Salute, bollino rosso per caldo in varie città
Venti deboli di Maestrale al Centro-Sud, localmente moderati intorno alla Puglia. Sarà un pò meno afoso al Sud, dove la temperatura sarà qualche grado in meno.

Si chiama Alessio Figalli il nuovo vincitore della Medaglia Fields, il massimo riconoscimento mondiale riservato agli accademici matematici. Dal 2016 insegna all'Eth di Zurigo.

Questi quattro giovani matematici dalle storie molto diverse e dagli interessi di ricerca così vari sono accomunati da due caratteristiche: l'eccellenza nella ricerca e il desiderio di spingersi oltre i confini del sapere consolidato. Ora c'è un problema che vorrei superare: "riuscire a vivere nella stessa città con mia moglie", ha dichiarato il 34enne romano. Osserva infine che "la medaglia Fields di Alessio va anche a premiare, indirettamente, le forti tradizioni della matematica italiana" e in particolare l'eredità di figure come Leonida Tonelli, Guido Stampacchia ed Ennio De Giorgi, tutti docenti presso la Scuola Normale. L'anno successivo il matematico ha ricevuto l'O'Donnell Award in Science dall'Accademia di Medicina, Ingegneria e Scienza del Texas mentre nel 2017 conquista il Premio Feltrinelli Giovani dell'Accademia dei Lincei.

Share