Corsica: onda anomala nel fiume, morti cinque escursionisti

Share

Tutti avevano iniziato a discendere il canyon di Zoicu, fin quando date le condizioni meteorologiche avverse, il gruppo si è diviso in due: "sei persone, tra cui la madre della bambina morta, hanno deciso di rinunciare alla discesa; altri sette hanno invece continuato a calarsi con le corde fino in fondo al canyon".

Quattro escursionisti sono morti ieri, tra questi una bambina di sette anni e suo padre, mentre una donna risulta dispersa, dopo essere travolti dall'acqua, mentre stavano facendo canyoning, nel Canyon Zoicu in Corsica. Due persone, tra queste la madre del bambino, sarebbero vivi anche se in stato di choc secondo quanto riferisce il procuratore di Ajaccio Eric Bouillard. "Quando il gruppo si è messo in difficoltà, all'inizio alcune persone hanno rinunciato all'escursione, poi altre", ha detto il procuratore.

Schianto aereo in Messico. A bordo oltre 100 persone
E' grazie all'abilità del pilota , tra i feriti più gravi purtroppo, Carlos Galvàn Meyran che si è potuto evitare il disastro. Non ci sono morti tra i passeggeri del volo di Aeromexico precipitato poco dopo il decollo, i feriti sono 85.

Stamani sono riprese a Soccia le ricerche interrotte per la notte della donna dispersa. Al lavoro, gli elicotteri della gendarmeria e otto subacquei dei pompieri. L'onda che li ha travolti era alta tre metri. Si pensa che l'inondazione improvvisa sia stata causata da tempeste di montagna, che hanno scatenato forti piogge nei giorni scorsi.

Lo Zoicu è il torrente che dà il nome a questo canyon a mille metri sul livello del mare, considerato uno dei più belli della Corsica. "L'onda sembrava un piccolo tsunami, un'onda molto alta che ha travolto tutto", ha spiegato il consigliere territoriale e presidente del Servizio Incendi e Soccorsi della Corsica meridionale, Pierre Poli, commentando ai microfoni di France Info la piena di giovedì.

Share