Salvini: aggredire è reato ma follia accusare italiani e governo

Share

I vigili, ha continuato il primo cittadino, "sono lì a prevenire i reati ambientali, grandi e piccoli, sono lì a fornire aiuto a cittadini e turisti, sono lì a mandare via i parcheggiatori abusivi (quasi sempre italiani ed affiliati alla malavita... però quelli per voi signor Ministro non sono un problema), sono lì a evitare incidenti, a salvare vite umane, a spiegare l'importanza di un casco, ad accompagnare un ragazzo sano e salvo dai genitori che forse saranno svegliati di notte ma che capiranno ed apprezzeranno".

Poi una frecciatina (neanche troppo velata) sull'obbligo del crocifisso: "E Gesù sorride di più, signor Ministro, quando vede ciò, sorride di più di quando viene appeso in ogni classe". Il Times lo descrive come un fervente cattolico, che ha accolto i giornalisti con una bottiglia di acqua santa proveniente da Medjugorje ben in mostra sulla propria scrivania, mentre ricorda che "persino nel Vangelo si dice che i numeri sono importanti". "Questa è barbarie e deve suscitare indignazione". Se ne stanno occupando i Carabinieri. E' solo uno dei passaggi affrontati dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini, nel corso di un'intervista rilasciata al quotidiano britannico 'Sunday Times'. Ma accusare di razzismo tutti gli italiani e il governo in seguito ad alcuni limitati episodi è una follia. All'atleta Daisy Osakue il ministro augura inoltre "una veloce guarigione"."Spero di incontrarla e vederla gareggiare il prima possibile", ha aggiunto.

Tra le cordate pronte a salvare il Bari, spunta l'offerta di Lotito
Lotito illustrato il suo progetto ed ha spiegato di aver studiato nei dettagli la piazza di Bari e la sua storia. Una volta raggiunti, entro tre mesi devi fare una scelta.

Il ministro dell'interno Matteo Salvini nega che ci sia un'escalation di violenza conto gli immigrati, ritenendo che il cosiddetto "allarme razzismo" faccia parte della "propaganda di sinistra".

Share