Rimborsi fiscali: ancora e-mail truffa 2018

Share

Ecco come riconoscere le mail-truffa: il messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell'Agenzia, informa di un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine e si invita ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura.

I cittadini le stanno ricevendo via email in nome dell'Agenzia delle Entrate, che è del tutto estranea alla cosa e ammonisce: non rispondere, non aprire i link, l'Agenzia non invia comunicazioni sui rimborsi via email.

Infine l'Amministrazione finanziaria ha ricordato che quest'ultima non invia e-mail relative ai rimborsi e che questo tipo di informazioni si possono rinvenire sul sito stesso dell'Agenzia delle Entrate.

Ferrari in lutto: è morto Sergio Marchionne
A questo link le cause della morte dell'ex ad di Fca . "Per me è stato un vero e proprio mentore, un collega e un amico". L'ex amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles si trovava da giorni in condizioni irreversibili .

Il messaggio, come indicato nel comunicato, proviene apparentemente da un indirizzo di posta elettronica delle Entrate (noreplys221-at-agenziaentrate.gov.it o noreplys22-at-agenziaentrate.gov.it) ma si tratta, in verità, di un mittente diverso, assolutamente non riconducibile all'Agenzia delle entrate.

La truffa circola via e-mail e generalmente viene inviata da due indirizzi ben precisi, segnalati anch'essi dall'Agenzia delle Entrate.

In essa si parla della possibilità di avere diritto a un rimborso, per il quale è necessario scaricare un modulo allegato all'e-mail. "A tale scopo, viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail", mette in allerta la stessa Agenzia delle Entrate. Ovviamente, in questo caso, è necessario che il beneficiario del rimborso coincida con l'intestatario (o uno degli intestatari, in caso di conto corrente cointestato) del conto corrente. Infatti chi è già registrato ai servizi telematici dell'Agenzia ed è in possesso, quindi, del codice Pin, può effettuare la richiesta di accredito attraverso il canale Fisconline.

Share