Marte si avvicina alla Terra: a mezzanotte la distanza minima

Share

Già in occasione dell'eclissi lunare del 27 luglio è stato possibile ammirare Marte da vicino: molti di voi avranno notato un punto molto brillante e luminoso poco distante dalla luna rossa; ecco, si trattava proprio del pianeta rosso. Dopo la scoperta, in gran parte made in Italy, che nel sottosuolo di Marte c'è un lago di acqua salata, possibile habitat di vita aliena, il pianeta rosso è osservato speciale.

Roma - La notte del 27 luglio ha accompagnato la Luna durante l'eclissi del secolo . E ora Marte tornerà a essere nuovamente il protagonista di questa ultima giornata di luglio: infatti, intorno alla mezzanotte di oggi il pianeta si troverà alla minima distanza dalla Terra, ed esattamente a 57.590.630 chilometri. La distanza media fra la Terra e Marte è di circa 225 milioni di chilometri, spaziando da un massimo di 402,3 milioni di chilometri a 54,6 milioni di chilometri l'uno dall'altro.

Per vedere Marte luminosa e leggermente più grande basterà guardare dopo il tramonto in direzione Sud-Est, pochi gradi al di sotto della Luna, nella costellazione del Capricorno.

Calabria, terremoto di magnitudo 3.7 al largo di Vibo Valentia
La scossa è avvenuta alle 5:47 ora locale (00:47 in Italia) con epicentro a Lelongken e ipocentro a soli 7,5 km di profondità. Un terremoto di magnitudo 6 .4 ha colpito Lombok , un'isola turistica in Indonesia: ci sono almeno dieci morti e 40 feriti .

"Avendo un'orbita ellittica, Marte si trova periodicamente a una distanza minima e una massima dalla Terra, che non sono sempre le stesse", ha spiegato all'ANSA Silvia Casu, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf)-Osservatorio Astronomico di Capodimonte. Dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra e vicino a noi, sarà completamente illuminato dalla nostra stella, come accade per la luna piena. Era dal 2003 che non si avvicinava così tanto. Poi, a partire da metà agosto, la luminosità del pianeta rosso inizierà a indebolirsi, mentre le orbite marziana e terrestre allontaneranno i due pianeti. "Ad esempio, nei giorni scorsi la Nasa ha potuto scattare alcune immagini di Marte che mostrano una tempesta di sabbia globale". "La minima distanza di questi giorni è un'occasione ghiotta sia per le osservazioni amatoriali che scientifiche".

Vedremo quindi Marte particolarmente grande e luminosissimo.

Share