Tregua commerciale tra Usa e Ue, accordo per ridurre dazi a zero

Share

Gli Stati Uniti da diversi anni le tassano al 2,5 per cento, mentre l'Unione Europea tassa le auto americane al 10 per cento.

"Oggi è un grande giorno, con Juncker abbiamo lanciato una nuova fase dei rapporti tra Usa e Ue". Il presidente della Commissione Europea ha incassato nelle scorse ore un accordo sull'addio alle barriere doganali. In una conferenza stampa congiunta Donald Trump e Jean-Claude Juncker hanno detto di aver raggiunto un "deal" che porterà all'eliminazione progressiva dei dazi. Le immagini mostrano come quello che Putin ha consegnato sorridente nelle mani di Trump è il pallone di ultima generazione dell'Adidas con i colori della Russia, paese che ha ospitato i Mondiali 2018, ma anche con il logo del sistema Nfc, un chip che può trasmettere dati a un dispositivo elettronico nelle circostanze, che si tratti di uno smartphone, di un tablet o di un computer. "La volontà è di arrivare a zero tariffe sui beni industriali".

Mercato Milan, più Higuain che Morata: il Chelsea si tiene lo spagnolo?
Se il Milan riuscisse a vendere il difensore, potrebbe riuscire ad accumulare un "tesoretto" per partire all'assalto di Morata . Max Allegri si è detto d'accordo sul ritorno di Bonucci purché ci siano spiegazioni relative al loro passato diverbio.

Trump ha ricevuto alla Casa Bianca il capo dell'esecutivo europeo per cercare di porre fine alla guerra commerciale scatenata da Washington. Ma le maggiori preoccupazioni in queste ore sono quelle di Berlino, in ansia per il piano di Trump di imporre dazi per 200 miliardi di dollari sulle auto straniere. Se sara' davvero tregua e persino pace lo si vedra' nelle prossime settimane, anche perche' nel confronto tra la dottrina protezionista dell'America First e i valori del globalismo e del multilateralismo incarnati dall'Unione europea si inseriscono dinamiche del tutto politiche. Un pallone-spia alla Casa Bianca? Il Movimento Cinque Stelle, dunque, avrebbe abbandonato le barricate contro Tap - da qui le forti contestazioni al ministro Barbara Lezzi- ma ha invece preso una linea differente sulla Tav per la quale il no definitivo potrebbe arrivare già nel prossimo autunno.

Share